mercoledì 13 febbraio 2013

Conchiglioni ripieni al pesto Mediterranea Belfiore




Conchiglioni ripieni al pesto
Capita che il martedì grasso io non abbia voglia di festeggiare nè di indossare una maschera, piove e fa freddo, dai miei sta nevicando, accendo il camino perché quando è così freddo il termosifone non riesce a scaldare bene in cucina. Dario è in vacanza e non ho voglia di uscire, per andare dove, poi, con questo tempo. La neve non c’è, ma è così vicina che mi pare di sentirne l’odore... ricordo che mentre mia madre guardava nevicare e piangeva perché a lei la neve faceva questo effetto di malinconia assoluta, io ero elettrizzata, pensavo alle pallate di neve, alle discese col bob fino a bagnarsi anche le mutande, le guance rosse e il fiato corto. 

Ho pensato allora di cucinare un piatto di mia mamma, qualcosa di familiare e  di caldo che questa atmosfera mi aveva evocato. C’è stato un tempo nel quale mia madre aveva voglia di cucinare e anche di sperimentare e per un periodo la domenica faceva questi conchiglioni ripieni, quando Michele, allora fidanzato, veniva a trovarmi per il fine settimana, mio fratello aveva non ricordo più quale fidanzata e mia sorella era poco più che adolescente. Erano tempi felici, semplici e tutto scorreva via liscio.



Qualche settimana fa con Cristina e altre amiche blogger, siamo andate a visitare la ditta Mediterranea Belfiore a Cecina, gestita dalle sorelle Ciarlo che producono salse e sottoli a partire da prodotti derivanti, esclusivamente, da agricoltura biologica. Di recente hanno costruito a fianco della ditta, un negozio realizzato in bioarchitettura, assolutamente affascinante, sia per l’utilizzo del materiale di recupero per l’allestimento, sia per la cura nel presentare i  prodotti. Idee, creatività e serietà caratterizzano la ditta, che offre idee regalo simpatiche e particolari, cestini da picnic per una giornata al mare e golosità realizzate con chef della zona. La salsa di pomodoro in particolare mi ha ricordato quella che mia mamma fa ogni anno, ancora passando a mano i pomodori cotti. Ciò che mi ha colpito di più però, è stato il pesto perché era stato messo in frigorifero. Gli ingredienti freschissimi e di ottima qualità regalano un prodotto intenso e profumato che,non viene pastorizzato per non perdere gli elementi nutritivi e il gusto e, per questo motivo, deve essere conservato in frigo anche prima dell’apertura.



Ieri aprendo il frigo, ho visto quel vasetto di pesto, le sorelle Ciarlo, sorridenti, che mi guardavano dall’etichetta e ho pensato che una ricetta di famiglia era quello che ci voleva per ritrovare quella serenità di quando mia madre aveva ancora voglia di cucinare…



Conchiglie di pasta 1 confezione da 500 gr
Pesto Mediterranea Belfiore
Ricotta 500 gr
Parmigiano grattugiato 100 gr
Tuorli 2
Cipolla bianca 1
Sale
Burro una noce per la teglia


Per la besciamella
Burro
Farina
Latte
Sale
Pepe
Noce moscata


Mettere a cuocere la pasta in acqua bollente salata per metà del tempo consigliato, scolarla, raffreddarla in acqua fredda e lasciarla asciugare su un panno asciutto. (Per la besciamella io vado sempre a occhio, parto da una quantità di burro che faccio sciogliere in un pentolino, senza però farlo bollire. Aggiungo la farina poca alla volta fino a che non si forma un composto denso e omogeneo poi aggiungo il latte tiepido a filo fino a formare la besciamella. Aggiusto di sale e pepe e, se piace, si può aggiungere noce moscata). Nel frattempo unire la ricotta con la cipolla grattata, 70 gr di parmigiano, una presa di sale e i due tuorli. Riempire con un sac a poche le conchiglie una ad una e disporle in una pirofila imburrata. Ricoprire con uno strato di besciamella e disporre qua e là il pesto, infine il parmigiano rimasto. Infornare a 200 ° gradi fino a doratura.


Con questa ricetta partecipo al contest di Mediterranea Belfiore in collaborazione con Poveri ma belli e buoni:
cucina

17 commenti:

  1. Poco fa anch'io ho postato una ricetta con i prodotti Belfiore...complimenti per la tua! Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah davvero allora vengo a vedere. A presto.

      Elimina
  2. Complimenti, un piatto di quelli che fanno bene...

    RispondiElimina
  3. Buoni solo che a me i conchiglioni o simili grndi riesce sempre male o troppo crudi o troppo cotti e provato cuocere fino in fondo e anche la metà grrrrrr ci devo ripreovare con la tua ricetta ciaooo buona serta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, colpevole per aver dimenticato il premio...sono imperdonabile. Grazie per esserci sempre. Un bacio.

      Elimina
  4. Buoni questi conchiglioni saporiti e besciamellosi! L'altro giorno, insieme ai miei figli, ho fatto quello che ho e tu hai fatto da bambina: giocare nella neve fino a bagnarsi...tutto! Rientrare a casa con le guance rosse e assaporare il teporino della casa calda e un piatto di pasta fumante. Mi sono ispirata e ho fatto una bella carbonara (saranno 10 anni che non la faccio). Piace piace questo tuo piatto...provo anche io
    Happy Valentine
    Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che la neve per i bambini, è euforia, stupore e gioia. Bravi.

      Elimina
  5. insomma, annarita, sei già la terza persona che vedo utilizzare questi prodotti e anche tu ne parli molto bene. Mi sa che devo provarli anche io! Mi sembra proprio giunta l'ora x!! :-) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto buoni ti assicuro e la filosofia che ci sta dietro è sicuramente da apprezzare e premiare. Ciao a presto.

      Elimina
  6. Ciaoooo che gola !!!! buonissimi !!!!

    Ci uniamo con piacere ai tuoi lettori fissi ..Passa a trovarci e unisciti anche tu ai lettori se ti fa piacere !! http://duecuorieunapadella.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. a me quando fiocca mi viene la stessa "malinconia" di tua mamma, ma non è che mi metta a piangere, solo me ne sto alla finestra ad alitare contro il vetro (per la gioia della mia di mamma) e a pensare..
    poi quando smette corro fuori e me ne vado ad annusare la neve e a mangiarla e mi piace, sono allegra e corro e lascio impronte e mi tuffo dai muretti. sono bipolare. lo so..
    certo è che quando torno a casa mi piacerebbe trovare una cosina calda e buona come la tua pasta. ho un debole per le paste al forno, sarà perchè a casa mia questo tipo di pasta al forno non si fa quasi mai :O)
    posso venire a casa tua? :O)))))

    RispondiElimina
  8. Ciao e complimenti per il blog.
    Ti dispiace se rubo la tua ricettina ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai pure....ne sarei felice. Ciao e piacere di conoscerti.

      Elimina
  9. Un piatto davvero confortante, fatto con e per il Cuore, brava e grazie, Cris

    RispondiElimina