domenica 17 marzo 2013

Shamrock cookies



Shamrock cookies

Quando arriva marzo, quella parte irlandese che è in me si risveglia, non che io abbia origini irlandesi (anche se, complici le lentiggini, mi hanno spesso scambiata per un’indigena) ma, la permanenza in quell’isola incantata per sei mesi mi ha letteralmente stregato, a tal punto da sentire di farne parte. A marzo dicevo, sento la voglia di cucinare piatti tipici, riguardo le foto degli amici, del college, dei pubs, delle Isole Aran e soprattutto della gita nell’Irlanda del Nord, proprio per San Patrizio. 


Quante emozioni e quanta spensieratezza in quegli anni e in quei luoghi magici dove la costa è flagellata dalla forza delle onde dell’Atlantico. E poi il vento, tanto vento da non sentire più nulla, il cielo impazzito con nuvole che corrono confuse dalle correnti e quel verde lucente che ti accompagna sempre……sempre come le pecore che spuntano a macchie, nell’erba, che profuma di torba. 

 

 

L’odore della torba che brucia nei camini è uno dei ricordi più intensi. Arrivano impetuosi i ricordi, le facce, gli odori e i suoni che provocano in me una sorta di pace, una serenità reale e lontana. 


Per San Patrizio eravamo a Belfast, in giro per quell’Irlanda che, geograficamente, è la stessa dell'Eire ma, è un altro mondo. Dopo essere stati alle Giant's Causeway una vera meraviglia della natura  e dormito in ostello a Portstewart, la faccia più inquietante del Nord l’abbiamo vista a Derry, con quartieri blindati, scritte inneggianti all’IRA e un’atmosfera pesante. Belfast ci sembrò quel giorno una scenografia di un film girato anni prima, una città completamente deserta, irreale, sospesa. Girammo per il centro spensierati fino a quando vedemmo alcuni sparuti clienti di un pub rientrare in tutta fretta e, sentimmo il passo militare di alcuni poliziotti che si aggiravano per le strade con il giubbotto antiproiettile e mitra spianati ad altezza uomo. Rimanemmo impietriti e, anche se nessuno ci degnò di uno sguardo, una sensazione di smarrimento ci pervase…..rientrammo a Cork in serata, in tempo per i festeggiamenti con il resto degli amici. 


Per celebrare San Patrizio, ho scelto la semplicità di biscotti decorati a forma di trifoglio, quel trifoglio simbolo dell’Irlanda che porto nel cuore.  Con una tazza di tea in mano...Buon Saint Patrick a tutti!


Burro 175gr

Zucchero 400gr

Uova 2

Estratto di vaniglia 1 cucchiaino

Farina 400gr 

Mescolare il burro ammorbidito e lo zucchero fino ad ottenere un impasto omogeneo. A parte sbattere le uova e aggiungere la vaniglia.
 
Aggiungere le uova e la farina al composto di burro e zucchero e impastare. Avvolgere l’impasto in una pellicola trasparente, e mettere in frigo per circa un'ora. Stendere su una superficie ben infarinata e ritagliare con uno stampo a trifoglio o qualsiasi altra forma vi piaccia.


Mettere i biscotti su una teglia foderata con carta da forno e infornare a 160°C per 8-12 minuti.

Una volta raffreddati lavorare la pasta di zucchero, colorata di verde, e ritagliare altrettanti trifogli. Attaccarli ai biscotti utilizzando zucchero a velo e poche gocce d’acqua come collante.

Approfitto per ringraziare la mia carissima amica Luna di Pizza Fichi e Zighini per aver pensato a me con questo premio, che io dono, a mia volta, a tutte le amiche di blog.

21 commenti:

  1. Annarita che bel racconto ! Hai risvegliato in me un sacco di ricordi. Io amo i paesi e soprattutto le atmosfere nordiche ed il viaggio in Irlanda è uno di quelli che mi è rimasto di più nel cuore. Caspita, sei mesi ci sai stata ! Ci credo che ne senti la nostalgia. Con questo post potresti partecipare al contest del blog Squisito (hai evocato talmente bene le atmosfere irlandesi che fosse per me ti farei vincere a pieno titolo !)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, quando parlo dell'Irlanda mi emoziono sempre. Ho visto il contest ma la ricetta non è proprio irlandese.... a presto

      Elimina
  2. io non sono mai stata in Irlanda anche se è un posto che mi ispira un sacco e prima o poi un bel viaggetto ce lo farò! e il tuo racconto me ne ha fatta venire ancora più voglia :) complimenti per i biscottini, sono splendidi! semplici e bellissimi :) e le foto pure!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara metti subito in programma un viaggio in Irlanda perchè ti assicuro che ne rimarrai affascinata, soprattutto dal Connemara dove ancora le indicazioni stradali sono in gaelico.

      Elimina
  3. Io ho una parente a Dublino che prima o poi devo assolutamente andare a trovare! E pensare che ogni volta che viene in Italia me lo dice "dai venite su!". Prima o poi ci devo fare un pensierino, anche perché l'Irlanda è uno dei pochi paesi del nord che vorrei davvero visitare. Intanto mi godo il tuo post e questi bellissimi biscotti :)
    Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora cosa aspetti? con i voli low cost è solo questione di organizzarti.... Un bacio

      Elimina
  4. ma che bello questo post così affettivo Annarita! e che bello conoscerti attraverso i tuoi racconti... un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena grazie, ma quando parlo di certe cose mi parte la vena romantica! un bacio.

      Elimina
  5. mamma mia, mi hai fatto scattare un amarcord pazzesco, anch'io sono rimasta stregata dall'Irlanda! conosco tutti i luoghi che hai citato anche se non ci sono vissuta come te ma li ho solo visitati da turista, ricordo perfettamente lo stesso sgomento nell'attraversare l'Irlanda del Nord, i palazzi contornati da recinzioni metalliche e filo spinato, militari ovunque....ma la giant's causeway, che spettacolo della natura, vero?
    che tenere le tue foto da ragazza :-)
    e che teneri questi biscotti a trifoglio , più irish di così!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie foto da ragazza? perchè cosa sarei ora? :D. Ho adorato tutto dell' Irlanda tranne quell'aria pesante nel Nord che mi incuteva più timore di un eventuale attentato. Un bacio.

      Elimina
  6. Happy Saint Patrick's day! Una delle foto mi ricorda le Cliffs of Moher...viste quando venivano giù secchiate d'acqua! Ma quand'è che non ne vengono giù, in Eire?
    Bellissimi i tuoi shamrock cookies
    Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono riuscita a vedere le Cliffs of Moher dall'acqua e dalla nebbia, quella foto era alle Isole Aran, dove tiravamo i sassi giù dalla falesia per vederli galleggiare dal vento. Un bacio.

      Elimina
  7. che meraviglia, anch'io oggi cupcakes a tema di Paddy's day...passa a guardare!che bello il tuo post: hai fatto riaffiorare in me i ricordi irlandesi! Ho adorato le Aran islands e Cliffs of Moher...i tuoi biscotti sono favolosi e le foto mi fanno tanta tenerezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, vengo subito a vedere. Un bacione.

      Elimina
  8. Ciao Annarita passò da te per la prima volta e rimango piacevolmente colpita dai tuoi cookies così perfetti e le tue avventure in Irlanda mi fanno venire una voglia di partire alla scoperta di questa splendida terra
    Grazie e a presto :-)

    RispondiElimina
  9. Cara Annarita, ti svelo un segreto: io ho la convinzione che nella mia vita precedente sia stata irlandese. Se no non si spiegherebbe il mio amore per un paese che non ho mai visto, la mia smodata curiosità sulla cultura celtica, sulle leggende e fiabe irlandesi, sulla musica locale. Quando ero all'università feci richiesta per Erasmus a Galway e mi accettarono. Il giorno che mi arrivò la lettera di invito, mi chiamarono al lavorare all'Ente Vini e presi una decisione, forse quella sbagliata, chi lo sa. Fatto sta che non sono mai partita, ma sogno quel paese ogni volta e questo tuo post mi ha rimesso in moto quella curiosità. E poi mi chiamo Patrizia, se non è un segno questo!
    Grazie per il tuo bellissimo commento sulla Fideuà, mi hai fatto arrossire. Un fortissimo abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty che piacere sentirti, mi dispiace per Galway perchè è una città stupenda , forse la più irish di tutte, piena di pub, musica, colori e quella magia tipica di tutto il Connemara. Però puoi rimediare, non avrai mica problemi a trovare un viaggio?. Io sono andata con una borsa post laurea ma ho vissuto con tutti gli Erasmus ed è stata una delle esperienze più belle della mia vita.
      Il commento sulla Fideuà te lo meritavi tutto, il tuo blog mi piace tanto proprio perchè oltre alla bravura in cucina, alle foto stupende, il tuo modo di scrivere e di raccontare mi emoziona sempre. un bacio.

      Elimina
  10. Bellissimo leggere dei tuoi ricordi, dei profumi e delle sensazioni. Questi biscottini sono fantastici. Io purtroppo non ci sono mai stata ma mi ripeto che se mai andrò vorrei proprio andare in questo periodo per vivere questa famosissima festa :-)

    RispondiElimina
  11. Che BEL-LI! Li avevo adocchiati già ieri ma ero di fretta e non potevo dirtelo ora sono sempre di fretta ma non potevopiù aspettare!!!!
    bellissimi proprio. E che meraviglia deve essere l irlanda. Belli i tuoi ricordi le foto le emozioni da rievocare!
    Che voglia mi hai messo pure tu di fare un viaggetto da quelle parti!
    tanti baci Annarita cara e grazie a te, per tutto.

    RispondiElimina