lunedì 17 giugno 2013

Polenta dolce ai lamponi con dulce de leche e cialda croccante di amaranto.... e il contest dell'estate "I Piatti delle Stars"




Per la manifestazione Siena and stars, rassegna musicale targata IKO International, in programma dal 10 luglio al 2 agosto 2013 in Piazza Duomo a Siena che mi vedrà coinvolta il 24 luglio (non vedo l’ora), ci sarà un cartellone di eventi eccezionale, una formula trasversale di 16 appuntamenti per tutti i gusti, tra pop, lirica, jazz, danza e un pizzico di comicità con GIORGIO PANARIELLO.

L'evento è organizzato dalla Iko International e Regione Toscana in collaborazione con la Confcommercio di Siena che, per animare le serate pre-concerto, ha pensato di invitare 24 blogger italiane che per 6 serate (4 blogger a serata), verranno abbinate a 4 ristoranti della città. Chef e blogger realizzeranno uno speciale menù di assaggi tematici presentati agli ospiti che avranno voglia di vivere questa particolare esperienza, prima di  godersi uno splendido momento musicale.



Le blogger saranno presenti in queste date:   
14 LUGLIO – TANGO – MIGUEL ANGEL ZOTTO 
·       ALESSANDRA GENNARO – MENU TURISTICO 
·       SABINA FIORENTINI – COOKN’ BOOK .
·       ROBERTA RESTELLI – IL SENSO GUSTO 
·       GRETA DE MEO – GRETA’S CORNER 
19 LUGLIO – ORCHESTRA BUONA VISTA SOCIAL CLUB
·       SANDRA PILACCHI –INDOVINA CHI VIENE A CENA?
·       LUCIA ARLANDINI – TI CUCINO COSì 
·       MARINA DELLA PASQUA – LA TARTE MAISON 
·       GIULIA NEKORKINA – ROSSA DI SERA 
24 LUGLIO – CLAUDIO FASOLI “FOUR” JAZZ QUARTET
·       LAURA ADANI – COSI COME SONO 
·       ANNARITA ROSSI – IL BOSCO DI ALICI 
·       MONICA ZACCHIA – DOLCI GUSTI 
·       BENEDETTA MARCHI – FASHION FLAVOURS 
26 LUGLIO – LUDOVICO EINAUDI – IN A TIME LAPSE 
·       SONIA MONAGHEDDU – OGGI PANE E SALAME 
·       AGNESE MALATESTI – LA BANDA DEI BROCCOLI 
·       ANNA MARIA PELLEGRINO – LA CUCINA DI QB 
·       BARBARA TORRESAN- BABS REVOLUTION  
28 LUGLIO – BAUSTELLE – FANTASMA
·       TERESA DE MASI – SCATTI GOLOSI 
·       CINZIA DONADINI – ESSENZA IN CUCINA 
·       ELISA IALLONARDI – SAPORI DI ELISA 
·       VALENTINA SERENTHA’ – SALE QUBI 
30 LUGLIO – GIUSEPPE VERDI CELEBRATIONS 200
·       SABRINA GASPARRI – LES MADELAINES DE PROUST
·       PATRIZIA BOSSO – LA MELAGRANATA
·       SILVIA CENSI - LA GELIDA ANOLINA
·       PATRIZIA MALOMO - ANDANTE CON GUSTO

Per chi volesse trascorrere un week end a Siena e ascoltare il suo artista preferito, nonché incontrare una delle blogger ospiti (sarò felice di conoscervi se vorrete passare da quelle parti), potrà prenotare il proprio soggiorno attraverso una nuovissima App che dal 25 di giugno potrà essere scaricata anche dai blog presenti alla manifestazione (anche dal mio naturalmente)…perciò stay tuned!.


E, udite udite…. non poteva mancare un meraviglioso Contest dal titolo “I piatti delle Stars”, il Contest dell'Estate! Tutti i possessori di blog potranno partecipare per accaparrarsi 2 stupendi biglietti VIP per il concerto di Ludovico Einaudi, cena e pernottamento a Siena per 2 persone. Inoltre la vincitrice vedrà la propria ricetta riprodotta da uno dei ristoranti partecipanti.  Questo il banner:


Il contest consiste nel preparare una ricetta, che sia antipasto, primo piatto, secondo piatto o dolce, ispirata ad uno dei personaggi o generi musicali presenti sul Cartellone di Siena & Stars, motivandone la scelta. Verrà data particolare attenzione alla presentazione ed interpretazione del piatto secondo il tema del contest.

Il Contest comincia il 17 giugno e si chiude alla mezzanotte del 17 luglio. 

Le regole ed informazioni generali sul Contest saranno sul blog Andante con Gusto e le ricette dovranno essere comunicate sullo stesso blog. 

La giuria sarà formata dalla Direzione della Confcommercio di Siena e dai ristoratori che parteciperanno all'iniziativa. 

Perciò chi tra di voi vorrà partecipare al contest non deve far altro che vedere l’intero cartellone degli eventi su Siena e stars e lasciarsi trasportare dall’emozione e dalla creatività.

Io e le altre amiche blogger non parteciperemo al contest, essendo già inserite nelle serate dei concerti ma, per lanciarlo abbiamo realizzato una ricetta suggerita da un genere musicale o da un particolare artista presente a Siena. Nel mio caso l'idea è scaturita  dal tango.


Il tango è passione, sensualità, disperazione, è musica, danza e parole che si fondono in un unico abbraccio. E’ impossibile non essere catturati dalla leggerezza, dall’eleganza e dalla perfetta sincronia dei movimenti dei ballerini, condotti dalla musica del bandoneon. Il tango è emozione, forza e magia.

Il tango è una forma artistica nata nella periferia di Buenos Aires nella seconda metà dell’800 dove, famiglie di immigrati provenienti dall’Europa, schiavi liberati e argentini della seconda e terza generazione, giunti dalle pampas, convivendo in squallidi quartieri crearono una sorta di miscuglio di tradizioni etniche e culturali che innescò la scintilla per la nascita del tango.

La struttura armonica del tango infatti, proviene dalla Payada un'antica forma di poesia popolare caratteristica delle feste di paese e la Milonga Criolla (arrivata dalla campagna attraverso i Gauchos), l'Habanera, danza spagnola diffusasi a Cuba e portata dai marinai fino alle due sponde del Rio della Plata, e il Candombè, danza caratteristica dei neri in cui le coppie ballano separate ma molto vicine, abbandonandosi a sensuali movimenti pelvici.

I nomi dei maggiori compositori di musica però, dai primi anni del Novecento fino all’età d’oro, quella degli anni '30 e '40, sono di origine italiana: Aníbal Troilo, Juan D'Arienzo, Carlos Di Sarli, Osvaldo Pugliese, Francisco De Caro, Lo stesso compositore e direttore d'orchestra Astor Piazzolla aveva i nonni italiani, pugliesi da parte di padre, toscani da parte di madre, precisamente da Villa Collemandina in Garfagnana (LU). Di recente è stata intitolata una strada di questo piccolo paesino proprio al grande compositore.

La Garfagnana ha conosciuto un’emigrazione importante a cavallo tra l’800 e il ‘900. La povertà, un territorio avaro, la mancanza di una viabilità che la rendeva sempre più ripiegata su se stessa e perciò poco permeabile all’innovazione a nuove tecniche in agricoltura, hanno costretto molti a cercare fortuna all’estero, sempre però rimanendo legati alla propria terra. E’ il caso di Felice Marchini proprio originario di Villa Collemandina che scrivendo regolarmente al giornale “La Garfagnana” descrive con precisione usi e costumi, attività economiche e iniziative patriottiche della colonia garfagnina di Sunchales nella Provincia di Santa Fè in Argentina. 

Così si presenta ai lettori “Oso sperare che i signori lettori saranno indulgenti verso di me,  e perdoneranno gli innumerevoli strafalcioni che sto per scrivere imperocchè dovranno tener conto dei molti anni che manco dalla mia amata patria; passati qui in questa lontana America, in mezzo ad un ambiente cosmopolita , dove per le necessità della vita, ho dovuto aguzzare l’ingegno per imparare a borbottare alla meglio vari linguaggi e vari dialetti con grave discapito della nostra bella lingua italiana” (30 luglio 1902).

Quell’ambiente cosmopolita che ha dato origine al tango allontanava i figli e i nipoti dalla terra d’origine, terra che loro non avevano mai conosciuto e, che in molti casi era propria rinnegata. Marchini scrive anche su questo argomento  nel marzo del 1910 “Purtroppo l’antica schiera dei Garfagnini venuti qui da molti anni a dissodare le allora incolte terre  va di anno in anno diradandosi. I nostri figli portati con noi ancora in fasce, ad onta dei nostri sforzi per conservarli Garfagnini, si sono argentinizzati. Non discorriamo poi di quelli nati qui, ai quali sebbene si imponga di parlare la nostra lingua, sono pur sempre Argentini. Il Governo poi ce li piglia tutti gli anni, li invia alle guarnigioni od ai confini della Repubblica e ce li restituisce quasi direi anfibi. Non parlano più né Italiano né Spagnolo…”

Pensando ad un piatto che traesse ispirazione dal tango non potevo prescindere da questa anima garfagnina che sicuramente vive in molte della note di Piazzolla. Un artista rivoluzionario che ha cambiato le sonorità del tango più classico dando vita al "Nuevo Tango" con elementi innovativi soprattutto di musica jazz e usando anche strumenti musicali sconosciuti alla tradizione.

Ho pensato a un dolce che fosse cosmopolita, intenso, lussurioso e avvolgente come le note di un tango. Una base di polenta dolce e lamponi a ricordare quella Garfagnana ormai lontana, ma solo geograficamente, il dulce de leche tipico dolce argentino e una cialda croccante di amaranto per simboleggiare la parte dei nativi, degli indios. Ingredienti che si mescolano e che creano un mix di sapori che nella loro diversità, trovano una armonia piacevole.



Dulce de leche:

Latte intero 1 lt
Zucchero 280 gr
Bicarbonato 1 cucchiaino
Vaniglia Mezza stecca

Far bollire il latte con la vaniglia in una pentola dai bordi alti poi, aggiungere lo zucchero e il bicarbonato, mescolare molto bene  (il bicarbonato farà gonfiare tutto), abbassare la fiamma in modo di farlo sobbollire continuamente. Per circa 45 min 1 ora avrà ancora un aspetto liquido e chiaro poi quando inizia a colorarsi bisogna mescolare più spesso e seguirlo con attenzione. Il dulce sarà pronto quando supera la prova della marmellata nel piattino (come si fa per la marmellata se ne mette un pochino in un piattino e la consistenza non deve essere troppo liquida). A quel punto mescolare ancora 5 min. fuori dal fuoco. E' pronto in 1 1/2 2 ore a seconda della fiamma. 

Cialde di amaranto:

Amaranto 125 gr
Acqua 500 ml
Zucchero 2 cucchiai

Far cuocere l'amaranto 40 minuti in acqua e zucchero. Raggiunta la cottura e quella consistenza un pò gelatinosa scaldare una padella antiaderente e versarci un cucchiaio di amaranto, nel giro di qualche minuto inizierà a diventare croccante formando delle cialdine.



Polenta dolce ai lamponi:
Farina di mais fine 250 gr

Latte 750 ml

Acqua 300 ml 

Zucchero 80 gr 

Mezza stecca di vaniglia
Lamponi 200 gr



Far bollire il latte con l’acqua, lo zucchero e mezza stecca di vaniglia. Togliere dal fuoco e aggiungere piano piano la polenta evitando di fare grumi. Cuocere per 30 minuti. Quando sarà cotta stenderla in una teglia foderata di carta forno. Fare uno strato e poi distribuire i lamponi lavati e asciugati. Quando sarà tiepida ricavare con un coppapasta dei piccoli

cerchi. Aggiungere un cucchiaino di dulce de leche, una cialda croccante infine spolverare con zucchero a velo.

29 commenti:

  1. è meraviglioso questo dolce e l'interpretazione che ne dai, buona avventura anche a te non vedo l'ora di conoscerti smuack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è lo stesso....arrivederci a Siena.

      Elimina
  2. Annarita, come al solito i tuoi post sono ricchi di cultura, curiosità, passione, amore e grande capacità. Amo il tango e ho letto con enorme piacere tutto quello che hai scritto. La ricetta poi è fantastica! :)
    Peccato non incrociarci in quel di Siena: sarà per un'altra occasione ;)
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa ma che occhi grandi che hai..... scherzi a parte, ti ringrazio molto per le tue parole, sei davvero gentile. E' proprio un peccato non vedersi....speriamo in altre occasioni. Un bacio.

      Elimina
  3. porcaccia miseri Annarita! che post ricchissimo!!!! un evento bellissimo e immagino una soddisfazione enorme per te e le altre bravissime blogger coinvolte! sei un mito, io l'ho sempre detto! :)
    E vogliamo aprlare della tua ricetta?
    non saprei come fare visto che non ho parole!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena sei la mia motivatrice ufficiale....ti assumo in pianta stabile. Grazie davvero. Sono molto contenta di partecipare alla serata di Siena...sarà un'avventura. Un bacione.

      Elimina
  4. ciao cara, ho letto dalla patty e sono corsa anche qui...innanzitutto complimenti per far parte di questo evento meraviglioso, poi questo dolce è stupendo e spero di poterlo fare presto perché mi attira moltissimo e poi ti annuncio che parteciperò sicuramente al contest...mi piacciono molto le sfide...intanto in bocca al lupo a te e alla tua serata! quanto vorrei conoscerti...ti abbraccio, bravissima davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta che tu partecipi, sarai bravissima come sempre. Grazie carissima....Un bacione.

      Elimina
  5. questo dolcino mi lascia la bavetta alla bocca, complimenti per la tua partecipazione a Siena and Stars!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. complimenti per la partecipazione e anche per questo dolce.. geniale direi!

    RispondiElimina
  7. Annarita, è un dolce meraviglioso, i miei complimenti :)
    Ci vediamo... molto presto :)
    Aurelia

    RispondiElimina
  8. Ragazza mia che ricetta!!! E che post!!! Brava!!! Ma visto che il tango è nella tua anima e nel tuo cuore ci vieni anche il 14? Io non sto nella pelle all'idea di veder ballare Miguel Angel Zotto. Forse verrà a vederci anche Sabrina Gasparri...raduno fra blogger del segno della Vergine? ;) ti abbraccio. Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh tre Vergini alle prese con un tango è quasi un paradosso...ma io ho l'ascendente Scorpione.... mi salvo :P. Potrei venire per sbirciare un pò, sai come si faceva quando si andava a vedere gli esami delle compagne prima di noi per sapere quali erano le domande... Mi piacerebbe molto...vediamo. Un bacio.

      Elimina
    2. Vero!!! Ma anch'io ho tanti paneti in Leone.. sono una leoncina camffata da Veegine..nonché ex salsera e flamenquera. Più flamenquera in realtà...sarebbe bellssimo incontrarti :))

      Elimina
    3. Che bello il flamenco.....io salsera della prima ora ..ho fatto il corso nel 91 mi pare... ma ci vediamo a Genova no? ci sei anche tu giusto?

      Elimina
    4. Presente!!! Vero!!! A sabato allora. Baci

      Elimina
  9. Sarà sicuramente una bellissima manifestazione.
    La ricetta è davvero di altissimo livello.

    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie spero tanto di imparare e divertirmi. Un saluto.

      Elimina
  10. complimenti per la tua partecipazione a questo evento sarà sicuramente una bella esperienza, il tuo piatto mi ha sorpreso con questi ingredienti che si fondono a formare un dolce gustoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Enrica. Sei gentile. A presto.

      Elimina
  11. ma la polenta dolce è una cosa davvero troooppo geniale! e io la voglio troppo provare! :D

    RispondiElimina
  12. Cara Annarita, negli ultimi giorni presa dagli eventi, non sono riuscita a passare a leggere la tua meravigliosa proposta. Arrivo oggi, trafelata e stanca, ma il tuo post mi ha scaldato il cuore, perché parli di una danza che per me è un momento magico. Amo il Tango con tutto il cuore e questa tua interpretazione lo racconta con grazia ed eleganza.
    Sono felice che tu possa essere del gruppo. Sono certa che sarà un bellissimo viaggio di emozioni!
    Un fortissimo fortissimo abbraccio. Pat

    RispondiElimina
  13. Noooo fantastico questo tortino!!!!
    Bellissimo a vedersi e sicuramente una favola, mi ispira da morire!!!!!!
    Anche io mi sono ispirata al tango!!!!!
    Ma ho usato lamponi e cioccolato heheheheh
    Baciiii

    RispondiElimina
  14. Annarita, sei un'artista!! Cercherò di essere una tua foodie il 24 Luglio

    A presto
    Gianna

    RispondiElimina
  15. Chicchi ama il tango non può essere che una persino profonda e passionale....è spero tanto di poterti incontrare prima o poi....complimenti anche per questa bella avventura estiva e spero di riuscire a partecipare al contest! Un bacio.
    Gabila

    RispondiElimina
  16. Cara ANNARITA, bisognerà che tu corregga il post, al posto dell'Aurelia devi aggiungere..... ME!
    sono stata reclutata in extremis perchè l'Aurelia ha un imprevisto.... e io ho accettato con piacere!!!
    avro' bisogno di aiuto.....
    baci
    Sandra
    p.s. e che tango sia! con il croccante di amaranto....

    RispondiElimina