lunedì 10 febbraio 2014

A Carnevale ogni strudel vale: strudel di banane e cocco con zuccherini colorati e lenti di cioccolato




Quando Mari ha proposto la ricetta dello strudel, ho pensato che avrei potuto fare solo quello salato, perchém quello dolce, per me, è con le mele e basta. Qualche anno fa, in vacanza in Alto Adige, ho fatto un piccolo corso di cucina nell’albergo dove alloggiavamo e lo strudel era uno dei piatti principali. Ne ho mangiato talmente tanto che, come dire, il corso l’ho fatto sul campo. Tornata a casa non ho mai messo in pratica la ricetta ma ora, come dire, è l’MTC a chiederlo. 


Sottotitolo adatto a questa mia versione colorata e divertente come i coriandoli di Carnevale, potrebbe essere: come stravolgere la tradizione in favore di una merenda fatta in casa a misura dei gusti del pargolo. Uno strudel pensato a due teste e fatto a quattro mani, se vale come aiuto mangiare il ripieno, perché, improvvisamente lo ha preso una strana voglia di banana.


 L’idea è nata così, come le tante altre volte che tento di fare da me quelle merende che vorrei che lui mangiasse a scuola, chiedendogli quale ingredienti avrebbe voluto, qualche aggiunta mia e lo strudel è fatto: dolce, morbido e con sorpresa. 





Mettere all’interno gli zuccherini colorati, che mia mamma gli faceva trovare ogni volta che andavamo a Castelnuovo, lo ha fatto sentire di nuovo “piccolo” e goloso com’è, ha voluto anche qualche lente di cioccolato colorata. L'ho accompagnato da una sorta di panna al sapore di cacao e nocciole tanto per restare in tema di dolce ma avevo da provare un acquisto nuovo fiammante: il sifone....direi che funziona!



per la sfoglia

Farina 00150 g

Acqua 100 ml

Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio

Sale 1 pizzico



per il ripieno

Banane mature700 g (circa 3)

Sciroppo d’acero 50 g

Scaglie di cocco disidratate 30 g

Zuccherini colorati 30 g

Lenti di cioccolato fondente colorati una manciata

Pangrattato 50 g

Burro 30 g

Scorza di ½ arancio bio grattugiata

Allspice 1 cucchiaino

Burro fuso 20 g per spennellare la sfoglia

Zucchero a velo a piacere per la superficie



per la chantilly alla crema di cacao amaro e nocciole (da Paul Simon, Spume e chantilly)

Panna fresca 250 ml

Crema di cacao amaro e nocciole 2 cucchiai

Zucchero semolato 2 cucchiai



per la sfoglia.

Scaldare l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciare la farina in un recipiente, aggiungere il sale e l’olio e versare a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliere l’impasto dal recipiente e cominciare a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettere l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendere il forno e portarlo alla temperatura di 180°C.



per il ripieno.

Far sciogliere in un tegame il burro e poi farvi rosolare il pangrattato fino a farlo dorare (attenzione, basta un attimo per passare dallo stadio della doratura a quello della bruciatura). Spegnere il fuoco, versare il pane in un recipiente, farlo leggermente raffreddare, quindi aggiungere la scorza dell’arancia grattugiata, il cucchiaino di allspice e mettere il composto da parte.

Sbucciare le banane, farle a fettine e metterle in un recipiente, aggiungere lo sciroppo d’acero, le scaglie di cocco, le caramelline di zucchero e le lenti di cioccolato e mescolare bene il tutto.



stendere la sfoglia.

Mettere una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinare leggermente la tovaglia, prendere l’impasto e cominciare ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianarlo con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettere da parte il mattarello, sollevare la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciare a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riporla nuovamente sulla tovaglia, si sarà ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passare con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.



Disporre sulla sfoglia il composto di pangrattato, quindi sopra ad esso il ripieno di banane, lasciando liberi circa due centimetri di bordo.



A questo punto, aiutandovi con la tovaglia, cominciare a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno. Fare fare un paio di giri, quindi ripiegate anche i due lembi esterni e continuare ad arrotolare fino alla fine.



Riporre la sfoglia in una teglia precedentemente imburrata, spennellare la superficie della sfoglia con il burro fuso e mettere a cuocere.



Ci vorranno circa trenta/quaranta minuti, ma siccome la cottura dipende molto dal forno, fare attenzione perché la sfoglia non deve diventare troppo scura bensì deve rimanere dorata.

Togliere la teglia dal forno e fare raffreddare lo strudel.



per la chantilly di crema al cacao amaro e nocciole.



Far scaldare la panna con lo zucchero e la crema di cacao amaro e nocciole finchè gli ingredienti non saranno tutti sciolti e amalgamati fra loro. Versare nel sifone e aggiungere 1 cartuccia di gas, agitare e tenere in frigo per almeno 3 ore.



Servire lo strudel tiepido, spolverarlo di zucchero a velo e accompagnarlo con la chantilly di cacao.

con questa ricetta partecipo alla sfida dell'MTC di febbraio

gli sfidanti

78 commenti:

  1. Bellissima questa versione, colorata e allegra e quella panna al cioccolato di accompagnamento rende il boccone ancora più goloso!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo strudel è decisamente dolce, a prova di pargolo settenne. Grazie a presto.

      Elimina
  2. Ma che idea originale questo strudel!! Io da trentina sono una purista dello strudel però questo non è niente male...un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiariamo che lo strudel è quello con le mele ma questa è una versione accontenta-figlio al quale non piace l'uvetta e non vuole la frutta secca. Grazie, un bacio.

      Elimina
  3. Annarita... attenta alle strane voglie!!! ma una vogliolina me l'hai fatta venire anche a me con questo strudel! io mi sono buttata sul salato e non ringrazierò Mari mai abbastanza per questa scoperta!!!! bellissimo il tuo con i confettini di zucchero colorati... posso tornare bambina?
    un abbraccio bella donna!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei una bambina Pilacchi, hai il sorriso di chi una bambina la conserva ancora dentro. Un bacione Sandrocchia mia.

      Elimina
  4. Bellissimo, colorato allegro, accattivante, e formato bimbo, che lo rende ancora di più irresistibile. Mi piace l'idea, adoro le foto ed il tuo ometto è un ganzo!
    Un forte abbraccio carissima. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di fartelo conoscere l'ometto, ora che poi si sente grande, ogni giorno esce con una nuova. Un grande abbraccio.

      Elimina
  5. Giusto per metterti subito a tuo agio, ti dico che mi aspetto grandi cose da te, in questa sfida- che potrebbe essere davvero la tua gara. Perchè c'è tutto quello che ti contraddistingue (manualità, eleganza, gusto- e quella libertà di movimento in cui tu riesci a far emergere la tua cultura e la tua bravura). Neanche a dirlo, ci siamo: non mi aspettavo questi ingredienti, ma pi leggo la ricetta, più mi convince - e mi diverte. Grande fantasia, grande sicurezza negli abbinamenti, grandissima eleganza. Brava, brava, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ecco brava giusto per mettermi quella punta di ansia ...te possino. Vedrò di fare il possibile...come sempre del resto. Un bacione.

      Elimina
  6. Bellissimo e allegro con quella nota colorata che ci ricorda il Carnevale alle porte!
    I confettini di zucchero poi, mi hanno regalato un tuffo piacevole nell'infanzia...
    Un caro abbraccio a te e anche al pargolo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non sai che quando mia mamma comprava gli zuccherini a Dario, le toccava comprali anche al genero, che geloso e goloso li voleva anche lui...tanto perchè bambini si è sempre almeno un pò. Un abbraccio.

      Elimina
  7. ganzo...banane e cocco....e i confettini colorati? troppo bellini!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metà dei confettini utilizzati per le foto non sono rientrati nel vasetto....perchè un certo ometto li ha fatti sparire...e con la lingua blu mi diceva che lui non era stato. Un bacione...ci vediamo domenica?

      Elimina
  8. Magari mio figlio mangiasse questo tipo di merende salutari e ricche di frutta! Hai avuto una idea brillante! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio scegliere gli ingredienti a lui così poi non può dire nulla....>Ciao e grazie.

      Elimina
  9. eh ma altro che strudel qui!!! banane e crema di cacao, un abbinamento perfetto direi.
    e poi tutto questo colore mi piace, mi piace l' allegria dei confettini e della cucina a quattro mani! : )))
    e poi le foto piene di luce... Ma ti superi sempre tu!!!!
    bacio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie signora mia, vedi, l'occhio clinico ha già trovato la luce del nuovo obiettivo...sei una maga. <3

      Elimina
  10. Mi sento meno sola! Un'altra che è andata ai Tropici per questa sfida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,anche se in effetti mi sono sentita più a caramellandia....ai tropici ci andrei ma sul serio. Grazie, a presto.

      Elimina
  11. Il tuo strudel porta davvero una ventata di colori e profumi e la scelta degli ingredienti mi porta ai tropici, bellissima versione, baci, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem come sopra...magari ci potessi andare sul serio ai tropici! grazie Flavia.

      Elimina
  12. Ecco la luce che avrei voluto io oggi……e la ricetta è senza dubbio interessante, magari così potrebbero mangiarlo anche le mie nane…..banana e crema di cacao, cocco e chicchi colorati!!! Si cara, io vado sul classico perché tra te e Patty non saprei scegliere la vincitrice!! Bella ricetta davvero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La luce è merito del tempo ma anche del nuovo obiettivo che devo ancora imparare ad usare....ma tu non hai bisogno del sole, la luce la crei. Un bacione.

      Elimina
  13. Bellissimo, abbinamento di gusti tropicali per una "ricetta del nord" mi ispira!!!
    Devo provare a fare la sfoglia come suggerisci, mi sembra più leggera della mia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta è di Mari Lasagna Pazza ed è la ricetta che si usa dalle sue parti (trieste), risulta fine e poco dolce e risalta il ripieno.

      Elimina
  14. questo strudel è allegro, simpatico, accattivante!! mi piace davvero un sacco con gli zuccherini e le lenti colorate!!
    bravissima :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli zuccherini piacciono a tutti non solo ai bambini....almeno a quelli che rimangono bambini dentro. Un bacio.

      Elimina
  15. mi piace, che colorato!!
    Sono sicura della bontà.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce e colorato come piace ai pargoli. Un bacio.

      Elimina
  16. Questo strudel che a dir poco una goduria, si vede che c'è lo zampino di un bambino!!Deve essere bello avere un piccolo aiutante, che pasticcia insieme a te. Uno strudel che mette una grande all'allegria!un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere un piccolo aiutante è meraviglioso anche se ti incasina ogni cosa. Un bacione.

      Elimina
  17. Cara Annarita, appena l'ho visto il tuo strudel mi ha messo subito addosso una grande allegria, perchè così colorato non avrei mai potuto immaginarlo. E dire che anch'io, come te, facevo fatica a pensare a uno strudel dolce che non fosse il tipico strudel di mele. A dimostrazione del fatto che in cucina basta un po' di fantasia (e bravura come nel tuo caso) per far uscire dal cilindro grandi cose, capaci di non sfigurare davanti alle ricette più classiche.
    Ma non sono solo i colori a colpirmi. Sono tutti gli abbinamenti che hai creato, dalle banane insieme al cocco e al cioccolato, il tutto insaporito dalle spezie e dall'arancia. Tocco di classe la splendida chantilly al cacao amaro e nocciole, che non conoscevo e che dovrò assolutmante provare prima o poi.
    Grazie mille di cuore per questa tua proprosta.
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi fatto conoscere questa versione e soprattutto quella salata che voglio fare al più presto. Un abbraccio grande.

      Elimina
  18. Allspice, arancia e sciroppo d'acero.....questo sì che significa caratterizzare un sapore!!!!:))
    Quanto mi piacerebbe che qualcuno mi preparasse la merenda, soprattutto una come questa;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabiana vieni quando vuoi, sarei onorata di prepararti la merenda...un abbraccio.

      Elimina
  19. Che bello ed allegro il tuo strudel a misura di pargolo.. è un po' come un vestito su misura, solo più buono ;)

    Mi piace assai.. e sì, vale come contributo in cucina, quello di "addetto all'assaggio ripieno" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'avevo vista in questi termini, ma si potrebbe essere. Un abbraccio.

      Elimina
  20. Fantastica proposta Annarita!! Mi ricorda le merende che facevo per mia figlia sotto carnevale quand'era piccola...ma qualcosa mi dice che una cosa cosi' la gradirebbe anche ora che ha 25 anni...e anch'io! E quella sfoglia e' perfetta, complimentoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie troppo buona lei ....certo che la gradirebbe a 25 è sempre una bimba.

      Elimina
  21. Un'idea davvero molto carina! Mette subito allegria! E l'abbinamento cocco/banana mi piace un sacco! :D
    Mariangela

    RispondiElimina
  22. A me piace un sacco lo strudel anche se ancora non l'ho mai fatto. Io sono davvero poco tradizionalista, quindi figurati, accolgo quasi ben più volentieri una qualsiasi variante rispetto all'originale ;) questo con banane e cocco sembra golosissimo davvero! l'unica cosa...gli zuccherini arghh non ce la posso proprio fare! sono sicura che l'ometto non si lamenterà se li lascerò tutti a lui ;)
    un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddaiiiiii, che saranno mai un pochino di zuccheri raffinati e qualche colorante artificiale...:P un bacione

      Elimina
  23. Annarita questa è una di quelle preparazioni che conquisterà anche i bambini. Non solo per i confettini colorati ma anche per la banana e il cocco che loro amano particolarmente e quella golosa crema che li conquisterà ad occhi chiusi. Una bella idea! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh è stato proprio il pargolo a decidere gli ingredienti...e a mangiarseli prima di usarli...perciò doveva essere contento per forza. Grazie a presto.

      Elimina
  24. vero, a Carnevale ogni strudel vale...mi hai fatto cadere la lingua sulla tastiera...urge una fettinaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! (ma che bambini, piace tanto anche agli adulti!!) Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agli adulti un pò bambini. Grazie Silvia, un bacio.

      Elimina
  25. Pure nella albergo in alto Adige tu hai frequentato corsi di cucina!
    E poi non hai più rifatto lo strudel per tanto tempo? Te possono!!
    Io lo adoro, mi piace da morire, ma certo così non l ho proprio mai mangiato.
    E la sola idea mi fa venire l acquolina
    Mi piacerebbe stare viaggiando nella direzione opposta a Roma, fare un salto lì da te, venire ad assaggiarne una bella fetta e farci una bella chiacchierata!
    Ahhh come sarebbe bello!
    Ma vorrà dire chge mi limiterò a sognare questa meraviglia per il resto della giornata!!
    Baciotti<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si dai lo facevano gratis a chi ne aveva voglia, bastava svegliarsi presto....non potevo dire no! Non farmi queste proposte perchè poi ti prendo sul serio...non sai quanto mi piacerebbe sentire il tuo accento romano e chiacchierare. Un bacione enorme Lunetta cara.

      Elimina
  26. partendo dal fatto che lo strudel tradizionale non l-ho mai apprezzato, devo dirti che questa tua versione mi fa letteralmente impazzire! complimenti mia cara, sempre geniale, tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale grazie mille, potrai farlo ai tuoi bambini (al plurale).....sono felice per te e per voi. Un bacione.

      Elimina
    2. Grazie cara, sei tanto dolce! smack

      Elimina
  27. Che bello, con MTC scopro e conosco tanti nuovi meritevoli blog e persone simpatiche. Piacere di aver trovato te (e il tuo dolce strudel!)
    Lidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lidia, bentrovata, l'MTC è una grande famiglia. A presto.

      Elimina
  28. i tuoi piatti mi fanno sempre sognare...mi piace moltissimo questo strudel di carnevale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie davvero, un bel complimento. un abbraccio.

      Elimina
  29. annarita mamma mia che bello perfetto soprattutto per i bambini complimenti

    RispondiElimina
  30. Annarita, divertente, colorato e presentato con foto bellissime! Vabbè, la classe non è acqua! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela sei troppo buona, grazie grazie grazie.

      Elimina
  31. Ai miei figli non preparo piu' da tempo le merende ma, probabilmente, non disdegnerebbero una tale golosita'. Molto brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, io faccio ancora merenda perciò credo che anche i tuoi sarebbero felici di fare una spuntino da te ogni tanto. Un abbraccio.

      Elimina
  32. Bello, buono e colorato: cosa si potrebbe dire di più di questo perfetto strudel? Bravissima!

    RispondiElimina
  33. Bellissimo l'abbinamento banane e cocco! Il cioccolato ci sta a meraviglia, gli zuccherini colorati sono quel tocco di colore in più... e la tua classe come al solito emerge da questa delizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi sei troppo cara, come sempre e io non posso che ringraziarti. Un bacione.

      Elimina
  34. Sei una mamma stupenda. Ma i tuoi lo sanno già! E sanno che ogni tua scelta ha dietro un cuore ma anche una logica. E poi con delle mani di fate che hai non potevi che creare una favola!

    besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai che dolce che sei, tu non fossi sposata ti sposerei io! La verità è che sono io ad essere stata davvero fortunata con Dario e fare la mamma con lui è facilissimo. Un abbraccione e spero di vederti prestissimo.

      Elimina
  35. eh ma che meraviglia!!!!! Una vera festa il tuo strudel! Colorato e dolcissimo! Mette allegria e tenerezza. Brava brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie devo dire che con questo piatto ho fatto il pieno di complimenti non so se tutti meritati ma mi piacciono proprio tanto...grazie

      Elimina
  36. veramente bello, e colorato, e allegro, e divertente. i miei figli ne andrebbero matti.
    anche perché banana e cocco sono fra le cose che i bambini preferiscono
    bravissima, fare uno strudel che piace ai bambini non è impresa facile.
    davvero complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ingredienti per lo strudel li ha scelti Dario perciò partivo avvantaggiata. Grazie. Un abbraccio.

      Elimina
  37. Ciao, piacere di conoscerti, ma soprattutto piacere di scoprire la tua ricetta! hai proprio ragione, é una di quelle ricette che fan tornare bambini, e le foto sono semplicemente spettacolari!

    RispondiElimina