domenica 23 febbraio 2014

Strucolo con ricotta di capra e fiori di Erba cipollina e Tagete




Ci sono dei regali che non ti aspetti, che sono così sorprendenti da farti rimanere a bocca aperta. I regali dovrebbero essere sempre così, talmente imprevisti, da farti sorridere come un ebete dallo stupore. Un po’ come quando arrivo a casa e dico a Dario che gli ho comprato un regalino, lui inizia a ridere con gli occhi e si macera nell’attesa e nell’eccitazione di scoprire di cosa si tratta e poi, con la stessa spontaneità, che è propria dei bambini, se il regalo non è adeguato alle sue aspettative (una maglietta al posto di un giocattolo), il sorriso si trasforma in smorfia e, senza filtri, leggi nel suo sguardo una delusione infinita.



 Gli adulti sono più controllati, politicamente corretti, tanto da ringraziare sentitamente mentre stanno pensando al posto più remoto della casa dove collocare la schifezza che stanno scartando o a chi riciclare un regalo tanto sbagliato. Ricordo ancora l'agitazione di una amica nell’aspettare per Natale il tanto sospirato anello di fidanzamento, visto che, il suo lui, aveva parlato di regalo di una certa importanza e la grandissima frustrazione nel vedersi recapitare una cornice digitale, disappunto malcelato sforzandosi ugualmente di sembrare felice e soddisfatta (per la cronaca, più avanti l’anello è arrivato e anche il matrimonio). 


Poi ci sono i regali che nessuno potrà mai farti, quelli che non si possono comprare, quelli che aspetti e aspetti e aspetti, che si chiamano  miracoli, sono la speranza che ti accompagna e che nessuno potrà mai soddisfare, ma tu speri lo stesso. 

 

A Natale non aspetto Babbo Natale ormai da molto tempo, ma qualcuno riesce sempre a stupirmi, quest’anno lo ha fatto la sorella di una amica che neanche conosco personalmente, una lettrice del blog, amante della cucina che, tramite sua sorella mi ha fatto avere una confezione di fiori eduli profumati e coloratissimi e una mostarda di fichi fatta da lei. E’ grazie a Gilda se con la ricetta di oggi si respira aria di primavera. 


Sono rimasta talmente meravigliata da questo dono che ho voluto prima studiare una ricetta adeguata.

 Il secondo regalo me lo ha fatto Mari con lo strucolo proposto per l’MTC, la ricetta perfetta per testare quei coloratissimi petali. Un ripieno di ricotta perfetto per esaltare il gusto delicato dei fiori senza coprirli. Il terzo regalo l’ho ricevuto dal pargolo che ha spolverato lo strudel salato quasi tutto da solo e mentre aveva la bocca piena mi faceva segno con le dita il voto che voleva dare a questa ricetta: 10.

Ha terminato chiedendomi di rifarla presto. Un grazie corale a questo punto è d’obbligo. Soddisfatta io.



per la sfoglia
Farina 00 150 g
Acqua 50 ml
Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio
Sale1 pizzico

per il ripieno
Ricotta di capra 250 g
Yogurt greco50 g d
Uovo1
Fiori di Erba cipollina 6 infiorescenze depetalate
Fiori di Tagete una manciata

per lo zabaione salato

Uovo 3 tuorli 
Acqua mezzo bicchiere
Sale 
Pepe nero
Olio extravergine d'oliva mezzo bicchiere circa 

Burro una noce per condire


Scaldare l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciare la farina in un recipiente, aggiungere il sale e l’olio e versare a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliere l’impasto dal recipiente e cominciare a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Mettere l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora.

I fiori di erba cipollina vanno depetalati e privati delle parti più dure come i calici. Mettere la ricotta in un recipiente, ammorbidirla con una forchetta, aggiungere lo yogurt, il sale, petali di Erba cipollina e quelli di Tagete lasciandone un pò per la decorazione del piatto, l’uovo e amalgamare bene il tutto. Lasciar riposare mezz'ora in modo che l'impasto umido faccia rinvenire i fiori.

Prima di cominciare a stendere la sfoglia mettere a bollire sul fuoco una pentola abbastanza larga e che possa contenere comodamente lo strudel. Disporre su una spianatoia un tovagliolo o uno strofinaccio pulito di lino o di cotone bianco (possibilmente lavato con sapone neutro e ben sciacquato) e infarinarlo. Prendere l’impasto e cominciare ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi tirarlo aiutandosi con un matterello.  Il risultato finale dovrebbe essere una sfoglia più o meno quadrata di 25 centimetri per lato.
Disporre il ripieno su tutta la superficie della sfoglia lasciando liberi circa due centimetri lungo il bordo. Cominciare a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno, se necessario aiutandosi con il tovagliolo. Far fare un paio di giri, quindi ripiegare anche i due lembi esterni e continuare ad arrotolare fino alla fine. Avvolgere il rotolo così ottenuto nel tovagliolo senza lasciare vuoti e chiudere, con uno spago da cucina, i due lembi esterni; fare due giri di spago anche lungo il rotolo.

Salare l’acqua bollente e adagiarvi delicatamente lo strudel avvolto nel tovagliolo facendo attenzione che non tocchi troppo il fondo della pentola (ho inserito un tovagliolo sul fondo). Fare cuocere sobbollendo per 30 minuti, quindi togliere lo strudel dall’acqua e togliere il tovagliolo.

 Mettere tuorli sbattuti a bagnomaria con mezzo bicchiere d'acqua, il sale e il pepe.
 Lasciare cuocere a bagnomaria per circa sei minuti, mescolando con una frusta fino ad ottenere una crema spumosa . Togliere dal fuoco e incorporare l'olio a filo continuando a mescolare.

Tagliare il rotolo a fette spesse circa uno o due centimetri e leggermente oblique, disporle nel piatto, irroratele con poco burro fuso e accompagnate con lo zabaione salato e i fiori di Tagete rimasti.


Con questa ricetta partecipo alla sfida dell'MTC  di febbraio

43 commenti:

  1. Ciao hai ragione non c'è regalo migliore di quello inatteso e il tuo è davvero delizioso! Penso che lo hai usato in modo splendido, complimenti! Ti abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, ho in mente altre ricettine perchè i fiori sono tanti.

      Elimina
  2. Mamma mia sempre più haute cuisine Annarita! *.* sembra un piatto di Leemann, è bellissimo, bravissima, uau.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie in realtà l'intento era di fare un piatto semplice...grazie Nocciolina.

      Elimina
  3. E dopo questa visione non mi rimane che nascondermi come minimo tre metri sotto terra.
    Senza parole!
    Veramente...non mi escono...
    Perché non ho mai visto niente di così elegante, raffinato, colorato...
    Hanno detto "alta cucina" ai miei, ma questa, per me, è veramente l'Alta Cucina.
    Il tuo strucolo entra prepotentemente nel mio podio personale. E posso sbilanciarmi perché fortunatamente non sono un giudice.
    Mi dispiace solo non avere i fiori eduli, qui, ora! Perché vorrei provare subito a rifarlo...
    Complimentissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna ti assumo come motivatore personale...e per i fiori basta vederci e te li regalo volentieri. Grazie cara.

      Elimina
  4. Uguale alla Saparunda e non mi ripeto, tutto uguale....
    Stavo scorrendo la blogroll e ho avuto questo colpo d'occhio, ho dovuto fermare il dito e cliccare ed entrare e vedere... e ho ancora la mascella discesa, poi ho appoggiato la testa su una mano, ancora incredula. Ragazza mia, inarrivabile... Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? esagerata però grazie..mi piace tutto questo entusiasmo. Un bacio.

      Elimina
  5. Che meraviglia sembra un quadro... complimenti :)

    RispondiElimina
  6. Cara Annarita, ti ho visto tante volte sfiorare la vittoria in questo gioco. Mi piacerebbe vederti vincere e magari proprio con questa ricetta, così basica ma prepotentemente perfetta. Il tocco dello zabaione salato in abbinamento a quei fiori delicati, è il massimo. Bravissima e foto assolutamente indimenticabili. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty Patty .....grazie...e non dico altro.....incrociamo le dita allora..

      Elimina
  7. uno strudel sicuramente sfizioso e...i fiori eduli io li ho usati una volta ma all'esterno di una ricetta, come decorazione, mai all'interno...mi hai proprio stuzzicato oltre alla curiosità anche l'appetito!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fiori si sentono come retrogusto e sono davvero molto buoni...parola di pargolo.

      Elimina
  8. è proprio vero...è tutto un dare e un avere...ieri hai ricevuto tu, oggi regali a noi tanta gioia x gli occhi! Tanti plausi a te che sei...semplicemente perfetta in ogni cosa che fai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria sei troppo buona...magari fossi così...diciamo che faccio il possibile. Grazie.

      Elimina
  9. Una ricetta di gran classe e raffinatezza, colori perfetti, semplice nella forma, ma elaborata nella sostanza.
    Io faccio 10 con le mani come tuo figlio e per il resto... sono felice di aver detto a mio marito di NON regalarmi l'anello e la proposta di matrimonio è arrivata ugualmente nel modo più romantico che potessi immaginare.
    Ma che foto fighe hai fatto? O_O (come distruggere l'aurea romantica con un commento :-P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla apprezzo tutto del tuo commento. E i complimenti sulle foto mi piacciono sempre tanto visto che di belle me ne riescono poche. Grazie mille.

      Elimina
  10. woww...che piatto....raffinatissima direi quasi di nicchia....per quanto riguarda i regali ho assistito giorni fa ad una fidanzata delusa e amareggiata perche' il suo regalo di compleanno non era altro che una telecamera digitale che il marito si e' regalato indirettamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un classico degli uomini, regali boomerang. Lei dovrebbe fare altrettanto. Grazie. Un bacio.

      Elimina
  11. Davvero dei bellissimi accostamenti! Complimenti davvero! =)

    RispondiElimina
  12. Beh, se ha approvato il pargolo...significa che hai già vinto!! ;-) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho concluso con "soddisfatta" io ed la verità. Grazie.

      Elimina
  13. Mi lascia a bocca aperta la luminosità delle tue fotografie e, ancor più, la meraviglia che è il tuo strucolo, nella sua semplicità ed eleganza.
    La ricotta di capra è già deliziosa di per sè, cremosa ed intensa, ma l'aggiunta di questi fiori ha tutto il profumo e il colore della primavera che preme per arrivare sul candore dell'inverno.

    Sono a bocca aperta.. e non solo per lo stupore, anche in attesa di una fetta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverebbe freddo, però anche riscaldato secondo me non è male. Grazie mille Giulia. Un bacione.

      Elimina
  14. Ciao Annarita, è un piacere conoscerti. Sono arrivata qui da te tramite l' AIFB. Che bella sorpresa! Complimenti e in bocca al lupo per il contest!
    Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna, bentrovata, il piacere è mio. A presto.

      Elimina
  15. E io ringrazio te carissima Annarita, per avermi regalato questa splendida ricetta, non ti posso dire che sia stato un regalo inaspettato, perchè da te io mi aspetto sempre grandissime cose, però è altrettanto gradito :) Piace molto anche a me giocare con i fiori in cucina, petali e foglie, con la loro bellezza, riescono a donare a qualsiasi piatto un aspetto e un profumo magico e questa tua ricetta ne è un esempio lampante. Ma non ci sono fiori che tengano se dietro non c'è una mano esperta che sappia dosarli e capire come possano essere utilizzati al meglio. Tu ovviamente l'hai fatto, creando una ricetta bellissima, elegante e raffinata. Bravissima! E grazie mille di cuore per questa tua proposta.
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, quello che ti ringrazia è Dario, giuro che non l'ho mai visto così entusiasta per un piatto, lui che mangia poco ha fatto fuori lo strucolo quasi da solo. Perciò sono assolutamente io a ringraziarti.

      Elimina
  16. sai che anche io amo proprio questi regali semplici genuini, fatti con amore, basta alle volte una scritta, un fiore, un frutto e io sono felice!la tua ricetta è buonissima e mi piace l'abbinamento e la presentazione molto raffinata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia, è stato un regalo davvero gradito e talmente inaspettato che l'effetto sorpresa mi ha tolto le parole di bocca ...e ce ne vuole nel mio caso...fidati.

      Elimina
  17. uuuuh stupore e meraviglia!!!! che strudel ragazzi!!!!
    colorato, accattivante, semplice e ricercato nello stesso tempo.
    i fiori, la ricotta di capra.... ma chi sei???? genio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma finiscila...che genio, guarda più semplice di così non potevo farlo. Nostalgia acuta da Pici cosa facciamo? quando ci vediamo?

      Elimina
  18. Io amo le sorprese e i regali inaspettati. Mi piace sia riceverli che farli. Riceve un dono da una lettrice poi, deve essere davvero una grande emozione perchè significa che tutto il nostro lavoro in qualche modo è arrivato e ha colpito qualcuno tanto da pensare di farci un piccolo regalo. Ci credo che il pargolo abbia apprezzato, questo strucolo deve essere buonissimo!!brava come sempre. un bacione, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si davvero sono rimasta proprio di stucco....ora devo studiare qualche altra ricetta perchè nella scatolina ci sono diversi tipi di fiori colorati e bellissimi che aspettano di essere mangiati. Grazie Chiara un bacione.

      Elimina
  19. Ma siamo già in primavera? No perché questo piatto e queste foto sono un'esplosione di luce e di sapori freschi e stuzzicanti proprio come la primavera lo sa essere

    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto in gloria la primavera per mangiare fiori ...freschi. Un bacione Silvia.

      Elimina
  20. Io leggo la tua ricetta, mi innamoro delle foto, leggo commenti estasiatici e poetici e tutto quello che mi viene da dire, con la mia vena più da scaricatore di porto é Cazzo che figata! Che roba immensa che hai fatto. Immensa. Applausi.

    RispondiElimina
  21. Parli di regai ricevuti- ma la più generosa sei tu, sempre: e questo strudel ce lo dimostra, per l'ennesima volta. Ti spendi come pochi, in ogni gara, con risultati che vanno al di sopra di qualsiasi aspettativa- e sempre senza mai tradire la linea della coerenza che sostiene questo blog: la semplicità che si fa eleganza e raffinatezza, nella scelta di ingredienti meno noti e, soprattutto, nella tua ineffabile capacità di valorizzarli al meglio. E il regalo che strabilia, stavolta, ce lo fai tu. Grazie davvero

    RispondiElimina
  22. Il tuo Babbo Natale quest'anno ha fatto un regalo anche a noi, Annarita! Questo piccolo tocco gentile dei fiori, da una marcia in più a ricetta e foto : ma una grande spinta arriva anche dal tuo piccolo, che mentre si "strafoga" accenna un 10, come commento :-) Sappiamo tutti quanto siano esigenti i ragazzi :-)
    Un bacione

    RispondiElimina