venerdì 7 marzo 2014

Barrette di sesamo bianco e nero al miele




Che sia ormai food maniaca è cosa nota (lo sanno tristemente i familiari e chi mi frequenta). Che sia compulsiva-ossessiva riguardo all’acquisto di libri di cucina, caccavelle e ammennicoli vari, anche. Mi resta solo da dire che quando prendo una sbandata per un libro, un tipo di cucina, un autore particolare, divento altrettanto fanatica. 



Fin da piccola sfogliavo i libri di ricette la sera prima di addormentarmi e volevo che mia mamma mi leggesse il libro delle pastasciutte, come lo chiamavo io, perciò che si poteva pretendere da me? Alla fine la vera natura è uscita fuori. Ecco perché ritorno a parlare e testare il libro “La cucina di Vefa”, perché è un libro completo sulla cucina greca, quella poco patinata e che non troverete mai nei menù dei ristoranti. Io lo sfoglio e gli occhi mi cadono su mille ricette da provare, di carne, di verdure, di pesce e poi i dolci e le mitiche salsine greche, che già a sentirne parlare mi sembra di vedere il mare e sentire in sottofondo il rumore delle onde. Mentre piatti più speziati, magari di carne li associo a quella Grecia più nascosta, quella dell’interno. Le scalinate infinite e il fiatone per arrivare ai monasteri delle Meteore, luoghi sacri e incantati fuori dal tempo.


Quando ho visto questa ricetta semplice e buonissima ho pensato che tutto il mondo è paese e che anche in Grecia ci sono i “croccanti” che si mangiano alle fiere paesane. Un dolcino dal nome poetico: Pasteli me meli. Unica variazione è stato utilizzare oltre al sesamo bianco, il sesamo nero creando un gioco di contrasti. 

Per circa 56 pezzi

Olio di semi di mais (o sesamo) per ungere
Semi di sesamo 500 g
Miele 250 g
Zucchero semolato extrafine 200 g

Disporre i semi su una teglia e tostarli in forno a 180°C fino a doratura (ne sentirete il profumo) facendo attenzione a non bruciacchiarli. Ungere un piano di marmo con l’olio. Porre il miele e lo zucchero in una casseruola dal fondo spesso, meglio se antiaderente e mescolare per circa 10 minuti fino a che si forma una sorta di caramello brunito. Con un termometro da caramello verificare che la temperatura sia arrivata a 240 °C (io ho fatto senza, ho spento solo quando ho visto che il composto cambiava colore diventando più scuro) e spegnere il fuoco. Unire i semi di sesamo tostati e girare velocemente. Versare il composto sul piano da lavoro, precedentemente unto, facendo attenzione a non scottarsi e stenderlo con un matterello unto in un rettangolo di circa 5mm di altezza. Mentre è ancora caldo tracciare con un coltello affilato le linee lungo le quali si ha intenzione di tagliarlo. Tagliare il croccante a barrette e conservarle nella pellicola per alimenti in un luogo fresco e asciutto. Si conservano fino a 1 anno.


Con questa ricetta partecipo a  100% Gluten (fri)Day





11 commenti:

  1. A parte che il primo viaggio fatto con mio marito, quando ci conoscevamo solo da qualche mese, è stato in Grecia e sono stati 20 giorni memorabili, dove abbiamo visto sia la Grecia con il mare, ma anche i paesini interni e siamo saliti fino alle Meteore (dove abbiamo incontrato altri palermitani) e abbiamo mangiato dei piatti che ancora ricordo a casa di greci sconosciuti, ma tanto carini, persone anziane con le quali ci intrattenevamo bevendo Ouzo e fumando (il mio lui) sigarette, mi sa che è arrivato proprio il momento di comprare questo libro, che da troppo tempo è nella mia wish list e che tu mi stai facendo amare sempre di più!
    Sei fantastica… e lo dimostravi fin da piccina! :D

    RispondiElimina
  2. P.s. Oggi sei stata addirittura la prima! :D

    RispondiElimina
  3. ...visto che si conservano fino ad un anno...confido in una delle 56 barrette ;))))
    ...Le tue foto, sempre un vero e proprio incanto ;) Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  4. e volevo che mia mamma mi leggesse il libro delle pastasciutte
    ho letto tutto fino in fondo, con quest'immagine negli occhi... e continuo a sorridere :)

    mi spunta sempre un sorriso, dolce, quasi appena accennato, quando entro qui
    buona giornata e grazie :)

    RispondiElimina
  5. anch'io sfogliavo libri di ricette da bimba, mi pare te l'avessi detto in qualche post precedente... la nostra vera natura è venuta fuori...ero anche maniaca della bellezza e dei monili e una volta mia mamma mi trovo' in bagno con acqua e sapone che simulavo " la crema somatoline sulla coscia"...non dico altro!
    Queste barrette sono fenomenali, hanno un nome bellissimo e il tuo contrasto mi ha conquistata.
    Qualche giorno fa ho fatto anch'io delle barrette anche se un po' più caloriche!

    Un bacione cara e grazie di questa bella ricetta!

    RispondiElimina
  6. Ma dai non conoscevo questo libro e mi sembra molto interessante, queste barrette poi assomigliano molto a quelle che compero di solito, me le segno per farle appena possibile, ciao ciao!

    RispondiElimina
  7. Oooooooooohhhh! Adorooo il sesamo, i croccantini di sesamo, i libri di cucina, tutti i tipi di ingredienti.....però non mi addormento leggendo le ricette, altrimenti mi viene fame e durante la notte faccio incursioni all'attacco di "Fort Frigo"!!!! :))))
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
  8. barrette sfiziose e set fotografico bellissimo!
    buon we
    Alice

    RispondiElimina
  9. Ma che belle, così bicolor!!!
    Ciao,
    Alessia

    RispondiElimina
  10. Queste barrette sono bellissime e le foto semplicemente stupende! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  11. A volte siamo così pigri che ci troviamo a comprare delle cose che effettivamente sono così semplici da fare a casa! Io di croccantini al sesamo ne avrò mangiati un centinaio, ma mai che l'abbia fatti da me. La tua versione black&white mi piace da matti (infatti ci ho fatto anche il gomasio!), penso proprio che questa sia la spinta che me le farà autoprodurre una volta per tutte ;)
    un bacione e a presto (per davvero!)

    RispondiElimina