venerdì 14 marzo 2014

Colcannon




Ogni anno è così. Quando San Patrizio si avvicina, qualcosa dentro di me si colora di verde, vedo trifogli ovunque e i ricordi si accavallano. Sarà che è l’unica vera festa che ho vissuto in prima persona in terra d’Irlanda, sarà che la associo ad un periodo della mia vita così sereno e spensierato da farmi sentire, ora, una malinconia e una tenerezza infinite. Per me la primavera arriva il 17 marzo, il vero spartiacque tra l’umido inverno e quella primavera in anticipo che scalda e illumina il verde dei prati.


L’Irlanda è proprio così, tra il cielo pazzerello che cambia vestito continuamente e il vento che fa ballare le nuvole, ogni tanto appare un raggio di luce talmente abbagliante da far risplendere ogni cosa. Quando vivevo a Cork non mangiavamo spesso nei ristoranti, da studenti si hanno poche possibilità di andare in giro ad apprezzare il cibo, era più facile ed economico fare la spesa e mangiarsi un po’ di pasta a casa, o al massimo mangiare qualcosa veloce nei pub. 



Non ho assaggiato molto di veramente irish e ora quando mi prende quella sorta di inquietudine migratoria che mi spinge verso il Nord, mi piace pensare di esserci ancora mangiando un piatto tipico. Il colcannon è un pasticcio di patate e cavoli che si consuma prevalentemente in inverno. Un piatto contadino, povero, pieno di storia e tradizione che sfruttava solo quei pochi ortaggi che erano presenti in terra irlandese. 


All’interno venivano inseriti come nel Barm Brak piccoli oggetti come una monetina, un anello o un ditale e chi li trovava aveva rispettivamente, ricchezza, matrimonio entro l’anno o rimaneva zitella a vita. Il cavolo tipico per questa ricetta è il curly Kale una sorta di cavolo riccio, una varietà robusta e resistente alle basse temperature. Si può sostituire con la verza.
Il colcannon è naturalmente gluten free e utilizzando dell’olio al posto del burro e del latte di riso al posto del latte vaccino, può essere un piatto vegan.

Patate rosse 700 g
Cavolo verza 150 g
Cipollotti freschi 2/3
Burro 60 g
Latte 1 tazza
Sale e pepe

Sbucciare le patate e farle a pezzi e farle bollire in acqua salata fino a che diventano morbide (20 min circa). Scolarle e lasciarle dentro ad un colino ad asciugare. Appena asciutte schiacciarle con una forchetta in modo grossolano (evitare uno schiacciapatate o peggio ancora un mixer) e farle raffreddare completamente. Tagliare il cavolo a listarelle e le cipolle a rondelle. Sbollentare per 10 minuti il cavolo utilizzando la stessa acqua delle patate. Scolare dalla pentola e asciugarlo. In una pentola a fondo spesso, far sciogliere il burro e poi aggiungere le cipolle e il cavolo. Cuocere per circa un paio di minuti mescolando bene.
Unire le patate schiacciate e del latte e mescolare fino a che il composto risulti cremoso e omogeneo. Aggiustare di pepe e sale. Si può mangiare da solo o accompagnarlo con salsicce o pancetta croccante.
 

Con questa ricetta partecipo a  100% Gluten (fri)Day





18 commenti:

  1. Non ho mai visto l'Irlanda ma in poche righe ho potuto sentirne la libertà che vi hai respirato. Questo piatto così povero, ma così ricco di sapore me lo segno.. Ne sento il profumo e il calore che esprime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, se qualcosa è arrivato non posso che essere che felice. Un bacio.

      Elimina
  2. Mai stata in Irlanda, ma ho vissuto ad Amsterdam da studentessa e so bene ciò che racconti, quindi momento nostalgico anche per me!
    Sono felice, di averti vista, anche se per un breve momento e di averti abbracciata, mi sento così vicina a te, che è quasi come se non ci fossimo lasciate e questo grazie ai tuoi post, sempre così belli, intensi e personali.
    Grazie per questa ricetta, che non conoscevo affatto… adesso guarderò al verde e a San Patrizio con occhi diversi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amsterdam? ah ecco ora mi spiego molte cose.... :P Un bacione. Anch'io sono stata contentissima di vederti, non me l'aspettavo...ma aspetto la prossima volta. Bacio.

      Elimina
  3. Inquietudine migratoria che mi spinge verso nord...chissà perché pur non amando il freddo ce l'ho dentro da un po' anche io!
    Sono fuggita dall'Italia a 19 anni per andare a Londra e la famiglia con la quale ho vissuto qualche mese era metà irlandese...ricordo di aver assaggiato questo piatto almeno un paio di volte... nelle poche sere nelle quali mi hanno invitato a cena con loro (alle 5.30 del pomeriggio!)

    A domani....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia non sai quanto sono stata felice di conoscerti di persona, mi sei piaciuta anche di più. E poi la pulce, quella è stata il pezzo forte..siete una bellissima famiglia. Un bacio.

      Elimina
  4. questo colcannon sarà mio al più presto, è uno di quei piatti per i quali posso fare follie.
    grazie di aver partecipato, e, egoisticamente, grazie di questo splendido suggerimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, anch'io ora che l'ho assaggiato lo rifarò sepsso. A presto.

      Elimina
  5. Mi hai fatto venire in mente questa, ma tipo in un secondo netto www.youtube.com/watch?v=70XpYnnmuZ0
    L'Irlanda è uno dei Paesi dei miei sogni.. da quando ho 18 anni sogno di attraversarla in un lungo viaggio in bicicletta, ma ancora non ci ho messo piede.
    Oggi mi fai sognare un po' di più... e anche io lunedì credo che festeggerà St. Patrick a modo mio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la canzone che la descrive meglio. Mi raccomando dai che l'aereo costa poco, è una meta vicina e facilemnte raggiungibile...più di così.

      Elimina
  6. con i piatti poveri e contadini non si sbaglia mai, sono sempre eccelsi e squisiti! Grazie mille! buona domenica e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto e poi è buono riscaldato anche il giorno dopo. A presto.

      Elimina
  7. Dai, hai studiato in Irlanda?? che bella che dev'essere, è sicuramente una delle mete che spero un giorno di riuscire a visitare, e forse anche una delle più facili rispetto alle altre in realtà :D
    per me la festa di San Patrizio chiaramente non ha nessun significato, ma ora che mi fai conoscere questo pasticcio credo proprio che comincerò a festeggiarla anch'io :D tra l'altro patate e verza è un abbinamento che mi piace un sacco, mangiato anche stasera ma sottoforma di involtino ;)
    un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao nocciolina, avevo una borsa post laurea ma di fatto ero sempre con i ragazzi dell'Erasmus. Mi sono divertita tanto e l'Irlanda mi è rimasta davvero nel cuore.

      Elimina
  8. Piatto semplice ma ricco di sapori, come credo lo sia la terra di appartenenza...c'andrò prima o poi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria te lo consiglio vivamente, l'Irlanda è bellissima tutta.

      Elimina
  9. Ciaooooooooo!!!! Ancora non mi sono ripresa dal bellissimo fine-settimana! Ancora trasognata e confusa! ma di una cosa sono sicura....sono stra-felicissima di averti incontrata!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono stanca, ancora fatico a riprendermi...c'ho un'età. Felicissima anch'io di avere conosciuto te e la tua splendida famiglia.

      Elimina