domenica 28 settembre 2014

Torta riso e cioccolato viareggina con frolla di castagne, nocino e fava tonka


Questo mese ho seriamente rischiato di non farcela. Eccomi qui, l’ultimo giorno disponibile a scrivere la ricetta per l’MTC. Sarà che ho bisogno non di uno ma di molti caffè, sarà che io e il riso non siamo mai stati grandi amanti, tant’è che la scintilla non riusciva a scoccare e più cercavo di concentrarmi e più brancolavo nel buio. Mi sono affidata alla tradizione, quella del litorale toscano che, mi appartiene solo perché vivo qui da molti anni ma che non conosco neanche così bene. E quale modo migliore per studiare se non con l'MTC?


La torta di riso e cioccolato viareggina si fa in genere per Pasqua ma, non è raro, vederla in alcuni forni o in pasticceria tutto l’anno. E’ molto simile alla  torta co’ bischeri di origine pisana ma, guai a confonderle, potrebbero nascere terribili guerre di campanile, tanto che il comune di San Giuliano e quello di Vecchiano ne hanno fatto un marchio di proprietà per conservare l’integrità della ricetta (tanto per capire  Vecchiano confina con Torre del Lago nel comune di Viareggio). Come ogni buona ricetta della tradizione, da Viareggio a Camaiore e di casa in casa si conserva gelosamente una ricetta che subisce però, piccole varianti, tanto che si può dire che, ognuno, la faccia a modo suo.


Questa volta volevo una ricetta della tradizione e basta, senza interventi esterni perché, nel mio blog, alla fine, ho tante varianti alle ricette classiche ma mai la base dalla quale sono partita. Ho cercato sul web, chiesto in giro e sfogliato libri di ricette locali e alla fine ho trovato tante di quelle varianti che non sapevo più quale fare come classica. Ho deciso che ne avrei fatta una mia e c’ho messo davvero tutto il bosco di alici: un po’ di montagna, la tradizione del luogo di mare e quel pizzico di esotico che mi ricorda i viaggi.


Realizzando la cottura così come insegna Acquaviva e utilizzando un riso adeguato, la torta mi è sembrata buonissima, molto più di quanto avessi mai assaggiato prima (io aborro il riso scotto, sfatto che diventa una pappa e spesso è così che lo propongono in questa torta, soprattutto in versione casalinga). Ho imparato che non bisogna mai utilizzare un riso, ma il riso, appropriato per la ricetta.


Versione crostatina

Per la frolla:
Farina 300 g
Farina di castagne della Garfagnana100 g
Burro 200 g
Zucchero 120 g
Sale un pizzico
Lievito 1 cucchiaino
Tuorli 2
Vermut un cucchiaio

Per il ripieno:
Latte 600 ml
Riso originario 125 g
Scorza di limone 1/2
Cioccolato fondente 150 g
Fava tonka 1
Zucchero 80 g
Uva sultanina 50 g
Nocino 50 ml circa
Noci della Garfagnana una manciata (circa 10/15 intere)
Uova 2

Setacciare la farina, tagliare il burro freddo a pezzetti, mescolare zucchero, lievito e sale infine mescolare il tuorlo con il liquore. Nel mixer, oppure su un piano da lavoro, mescolare la farina ed il burro per ottenere un composto granuloso. Aggiungere lo zucchero e i tuorli e mescolare senza lavorare troppo per non scaldare l’impasto. Formare un panetto ed avvolgerlo in pellicola. Far riposare in frigorifero per circa un'ora. La frolla avanzerà sicuramente, fatene dei biscotti profumati per la colazione.

Nel frattempo preparare il ripieno.Il riso va anzitutto sbianchito cioè scottato per un minuto in acqua bollente, poi scolato e sciacquato sotto acqua fredda, quindi messo in pentola coperto di latte bollente, zuccherato e aromatizzato con la scorza si limone.


Si copre il tutto e si cuoce sulla fiamma a fuoco moderato, oppure in forno a 160 °C, per circa 30 minuti, fino all'assorbimento del latte e alla formazione di una crema densa che avvolge il riso e lo lega. 

Se si preferisce una massa più cremosa, con il riso praticamente sciolto, va raddoppiata la dose del latte, il riso cuoce scoperto per almeno 50 minuti e va mescolato quasi costantemente. 

Nel frattempo, ammollare l’uvetta nel nocino e tagliare il cioccolato a pezzetti. Far raffreddare un poco ed aggiungere una grattata di fava tonka, le uova precedentemente sbattute, il cioccolato, le noci tritate e l’uvetta strizzata. Aggiungere un cucchiaio di nocino e mescolare bene il tutto. Lasciare da parte.

Stendere la pasta in un disco di circa 35 cm di diametro e foderare lo stampo, precedentemente imburrato e infarinato. Versare il ripieno e stenderlo in modo uniforme. Tagliare la pasta in eccesso e ripiegarla sul ripieno. Decorarla a piacere con strisce incrociate.

Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 40-45 minuti. Far intiepidire e gustare.



                       

30 commenti:

  1. Io amo il riso (e per fortuna direi, visto che non posso mangiare tante altre cose), però nei dolci non è mi è mai piaciuto granché. Adesso che leggo tutti i vostri post, penso che allora, quelli che ho mangiato, siano sempre stati fatti con il riso sbagliato… Non sai che darei per assaggiare questa tua crostata.
    P.s. E hai ragione, in questa ricetta ci sei tu, alla grande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania e io chissà cosa darei per portartela.....prima o poi ce la farò a venirti a trovare. Un bacio.

      Elimina
  2. Come dice sopra Stefania, in questa ricettaci sei tu è questo e' la sola cosa che conta quando di realizza una ricetta.....ti abbraccio Annarita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabiletta grazie, anch'io ti abbraccio.

      Elimina
  3. quanto mi parla di famiglia il tocco di nocino... e quanto di curiosità al diverso la fava tonka... E come si vede, sovrani su tutto, il rispetto che hai per ogni gesto e la cura di ogni pensiero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta lo faceva anche la mia mamma il nocino e mi pareva una schifezza ma con il tempo cambiano i gusti e i ricordi addolciscono tutto. Grazie.

      Elimina
  4. e chi l'avrebbe mai detto... "paese che vai torta al riso che trovi", e poi golosissima!
    Solo da me il riso dolce era una tazza di pappa collosa con su la cannella? Non è giusto!

    E dopo questa credo che le torte di riso passano ad un altro livello nella mia lista.

    besitos!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco io la pappa collosa proprio non la reggo neanche alla vista.....però poi con il riso giusto tutto cambia. besitos a te cara.

      Elimina
  5. ma che buona questa crostata...profuma di autunno come le tue foto!
    un bacio

    RispondiElimina
  6. un altro dolcino favoloso tutto da assaporare... queste fave tonka le ho lì, inutilizzate... devo proprio applicarmi di più! Bacioni e grazie per questa ricetta che spero di provare presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace molto la fava tonka con il cioccolato dà quel profumo speziato che mi piace tanto.

      Elimina
  7. Da viareggina Doc, ma non solo x campanilismo...confermo e sottoscrivo che questa torta non è soltanto buona ..è da Urloooo! Bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspettavo il tuo commento anzi lo temevo perché alla fine la torta l'ho un po' stravolta ma ti assicuro che aveva un profumo. Bacioni.

      Elimina
    2. è proprio la variante che m'intriga....proverò sicuramente! :) Bacione a te cara!

      Elimina
  8. Wow che abbinamento, se è tanto buona quanto è bella quella fetta tagliata (e lo sarà di sicuro) bisogna farla al più presto.
    Tantissimi ingredienti goduriosi e saporiti che la rendono uno spettacolo, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dalle tue parti questi ingredienti non dovrebbero mancare. Un bacio.

      Elimina
  9. Non sono un'amante delle castagne, quindi mi sa che rifarò questa goduria di ripieno con una frolla normale. Prendo spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SEi proprio sicura? perché quel tocco di farina di castagne dà un saporino di castagna appena accennato e un profumo incredibile. Cmq buona anche con la base normale. A presto.

      Elimina
  10. Ne vorrei una fetta, adesso. Anzi, quella fetta che esce dallo schermo. La piglio al volo, va!
    Un bacio mia cara. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty ma io te la porterei volentieri, non vedo l'ora di vederti. A presto cara.

      Elimina
  11. Quando si va alla ricerca delle ricette della tradizione, ognuno alla fine ha la propria ed in giro si trovano infinite varianti. Hai fatto benissimo quindi a renderla tua con i prodotti che più ti caratterizzano, come la farina di castagne. Io la proverei subito, tra un po' è ora di merenda!!! :)))
    un bacione, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' più forte di me e pensare che volevo farla classica.....però non era male...da rifare. Un bacione.

      Elimina
  12. Io invece mangerei solo riso ma non nei dolci: non mi sono mai piaciuti i budini di riso toscani, le frittelle di riso o la torta di riso classica. Eppure questa tua al cioccolato e noci, con la base croccante di frolla alle castagne mi ha immediatamente conquistato e messo voglia di assaggiarne una fetta.
    Voglio proprio riproporla, in qualche modo, quest'accoppiata riso-cioccolato!
    Un abbraccio Annarita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao nocciolina cara, nelle tue mani chissà come potrebbe diventare...sai che avevo pensato di fare la frolla vegana? però poi avrei dovuto inventarmi anche il ripieno e non avevo davvero tempo e ingredienti a portata di mano...però sarei curiosa...dai falla tu. Un bacione grande.

      Elimina
  13. Amo ed ho sempre amato il riso dei dolci... Da piccola al bar prendevo sempre la "pasta di riso", una crostata a con dentro il riso, fai un po' te :) quindi questa crostata la amo già, se poi ti somiglia... Un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina bella, grazie davvero.....ma quando ci rivedremo io e te?

      Elimina
  14. Che crostata speciale e deliziosa!! Una frolla alle castagne e un ripieno così deliziosamente autunnale sono un abbinamento STREPITOSO!! Sei sempre bravissima, davvero complimenti... ma ora come faccio che vorrei tanto assaggiarne una fetta?? :-)

    RispondiElimina