martedì 13 gennaio 2015

Lemon ginger bundt cake


 
L’ho ignorato per anni, l’ho conosciuto ma mi pareva così strano che credevo non sarebbe mai entrato in casa mia, c’è voluto il blog, una cognata che lo ha sempre in dispensa e ricette che lo prevedevano a farmelo assaggiare e ora? Sono io a non poterne fare a meno. Sto parlando dello zenzero.


 
Per molto tempo ho confuso lo zenzero con il peperoncino perché in Versilia, talvolta, è proprio così che viene chiamato il peperoncino poi, in Irlanda, facendo la spesa ho capito che ginger era zenzero e che era una radice piccantina. Ora lo uso dappertutto: nelle zuppe, nei dolci, nelle insalate e nelle tisane.
 

 



 
In casa c’è sempre. Quello che per me è stata una novità è stato lo zenzero candito: una vera droga. Per fortuna che non lo trovo molto spesso altrimenti come lo apro non ho pietà fino a che non finisce. Ho pensato anche ad una produzione propria. Figuriamoci quando ho scovato una ricetta della Martha, tratta dal libro "Cakes",che prevedeva proprio lo zenzero candito, mi ci sono buttata a capofitto. Ho fatto la torta che è servita da modella per un corso di fotografia di Laura (infatti lo stylist è suo).

 

Burro a temperatura ambiente 225 g
Farina  00 360 g
Scorza di limone 2 cucchiai
Succo di 2 limoni
Zenzero candito 80 g
Bicarbonato di sodio 1 cucchiaino
Sale 1 cucchiaino
Zucchero semolato 480 g
Uova 6
Panna acida 226 g
Zucchero a velo, per spolverare

Preriscaldare il forno a 180 °C. Imburrare e infarinare lo stampo. In una ciotola mescolare la farina, la scorza di limone, lo zenzero sminuzzato, il bicarbonato e il sale e mettere da parte.
Nel mixer unire il burro morbido e lo zucchero finché risulti un composto cremoso, 4 o 5 minuti. Aggiungere le uova una alla volta e il succo di limone.

Aggiungere la farina in tre volte e la panna acida in due, iniziando e terminando con la miscela di farina; Versare il composto nello stampo livellandolo e sbattendo lo stampo per far uscire eventuale aria.

Cuocere da 55 a 60 minuti finché uno stuzzicadenti inserito nel centro della torta non esca pulito (se dovesse prendere colore troppo in fretta, coprire con un foglio di alluminio). Lasciare la torta a raffreddare per 30 minuti nello stampo, poi sformare per raffreddare completamente. La torta si conserva avvolta nella plastica, a temperatura ambiente, fino a 3 giorni. Spolverare con zucchero a velo prima di servire.

Note mie

  • La spiegazione dei passaggi è chiara. Martha come al solito propone pochi step, molto semplici con spiegazioni soddisfacenti per non sbagliare.
  • Ho usato uno stampo diverso da quello proposto nella ricetta con il risultato di avere una torta più alta ma sostanzialmente simile all’originale.
  • La torta è di quelle da colazione, abbastanza compatte, da inzuppare.
  • Il sapore è fresco. Confesso tuttavia che non mi ha entusiasmato, soprattutto perché mi aspettavo un sapore più deciso dato dallo zenzero candito che invece si è completamente perso. Non so se dipenda dalla marca utilizzata o semplicemente dal fatto che una volta cotto, lo zenzero perda quel carattere piccantino che mi piace tanto.
  • E’ bene tagliare molto finemente lo zenzero che ,altrimenti, rimane più pesante e tende a precipitare sul fondo.
  • Non ci starebbe male una salsa di accompagnamento.


Conclusioni

 
Promossa

con questa ricetta partecipo a

21 commenti:

  1. Promossa si.... Questa modella me la porto a casa Signora.....mi ha folgorata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella vero? prova a metterci un po' di zenzero grattugiato se ti piace il sapore piccantino. Un bacio.

      Elimina
  2. Mi ispira un sacco questa torta!! Lo zenzero anche io lo ficco ovunque, sia in piatti cotti che crudi!!
    Peccato che perda un po' il sapore caratteristico ma forse aggiungendone anche di quello fresco si rafforza un po'!! In ogni caso è proprio una bella torta!
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo appena la rifaccio ci metto un tocco di zenzero fresco. w lo zenzero.

      Elimina
  3. Mia nonna usava la parola zenzero per indicare il peperoncino e io facevo un pò di confusione e mi chiedevo come mai lo zenzero era il peperoncino ma anche la radice...poi, con gli anni, ho capito tutto (o quasi!). Limone e zenzero sono fatto per stare insieme e la budt è una super torta!
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Isabel pure a me infatti è capitato e mio suocero ancora dice zenzero e intende il peperoncino. Limone e zenzero sono perfetti. Grazie e un bacione.

      Elimina
  4. Lo zenzero candito lo adoro anche io!! Lo zenzero fresco...mmm devo ancora studiarlo, al primo tentativo sono rimasta un po' perplessa, ma magari ho sbagliato il suo utilizzo!!! Complimenti torta favolosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprova e vedrai che non ti deluderà, a me piace da morire anche quello per il sushi, mangerei solo quello. Grazie.

      Elimina
  5. Grazie mille Annarita, perfetta :)
    Posso solo chiederti di inserire il banner del Redone? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto Stefania, scusa l'avevo dimenticato. Un bacio.

      Elimina
  6. Lo zenzero mi piace molto e a quello candito come te non so resistere...immagino la bontà che regala alla tua bellissima torta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo zenzero candito è una vera droga non posso comprarlo perché non ho pace fino a che non lo finisco. Grazie :)

      Elimina
  7. Io non amo particolarmente lo zenzero invece...ma questa torta sì, a cominciare dalla sua forma, da quella pioggerella di zucchero a velo che la investe, da quelle fette così invitanti!
    Ora pure le torte top model sforni...signora mia, ma quanto sei brava?!
    <3 pioggia di baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza, ti assicuro, è nello stampo, la torta è semplicissima. Un bacione cara mia.

      Elimina
  8. È' bellissima! Avrei una domanda: qual'e' la grandezza (o capacita') dello stampo? O meglio fino a quale livello riempi lo stampo con queste dosi di impasto? La meta'? Un terzo?
    Grazie
    Maurizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la domanda perché mi dai l'occasione per specificare che io ho usato uno stampo da 18 ma un pochino d'impasto è uscito perciò ti consiglierei da 22 cm. puoi riempirlo per i 2/3 perché cresce ma non eccessivamente, dato che c'è solo un po' di bicarbonato. Grazie.

      Elimina
  9. Anch'io nutro una grande passione per lo zenzero, e a Natale ho scoperto anche quello candito... mi piace pure quello, io che ODIO i canditi! La torta l'ho adocchiata sul libro di Marthona da un po', e tu me l'hai fatta ricordare :D
    E' bellissima, le foto meravigliose, e sono sicura sia anche ottima!
    Ciao, vado a farmi un infuso limone e zenzero ahaha ;)

    Ale

    RispondiElimina
  10. bellissima! complimenti per la torta e per le foto e grazie per aver partecipato!!
    ps: lo zenzero fa benissimo alla voce, durante le prove del coro ne facciamo sempre girare una confezione di quello candito... piace a tutti!

    RispondiElimina
  11. Lo zenzero candito io l'ho conosciuto da poco, l'ho fatto assaggiare a mia madre che se n'è mangiata 3 etti in due giorni... e con questo ho detto tutto!!! Storie di famiglia a parte, questa torta è un capolavoro!!!

    RispondiElimina
  12. che bella annarita, veramente splendida! Foto da mostra fotografica, con quel tocco di bravuro... la spolverata di zucchero a velo, le briciole. splendide veramente!
    per la torta capisco le tue perplessità, uno si aspetta un aroma e quell'aroma se n'è 'gghiuto in cottura, dispiace.
    però capisco la filosofia dell'averla promossa: a te magari non ti ha entusiasmato, ma è venuta come doveva. o sbaglio?
    grazie comunque per questa partecipazione così competente.

    RispondiElimina