martedì 24 marzo 2015

Quiche ai broccoli con pesto di scarti di broccoli






Ogni volta che succede scatta automatico il senso di colpa e pure un po’ di frustrazione. Pulisco il frigo e trovo troppo spesso qualcosa da buttare, che sia uno yogurt scaduto finito in fondo ai ripiani o del formaggio ormai mummificato e la fettina che ha assunto un colore cangiante e un odore che non fa proprio ben sperare, ogni volta provo un senso di inadeguatezza. Vorrei essere come le donne di un tempo, quelle che non buttavano via nulla, quelle che di ogni avanzo facevano un nuovo piatto saporito, invece la fretta e pure un certo benessere ci invitano a comprare in abbondanza e a buttare troppo. 



Quando pulisco le verdure idem, la maggior parte di quello che compriamo e paghiamo si perde nella pattumiera perché dei porri mangiamo solo la parte bianca, delle carote le foglie si buttano anzi molto spesso neanche ci sono nei supermercati. E vogliamo parlare delle foglie di barbabietole o dei broccoli o dei finocchi? Perché delle verdure buttiamo praticamente tutto? Semplice, è così che ci hanno abituato, prima d’oggi nessuno mi aveva chiesto di assaggiare la parte verde dei porri o il gambo dei broccoli o le foglie. Oggi però nuove consapevolezze e un pizzico di responsabilità verso una crisi che ha impoverito il Paese costringe a pensare in modo nuovo (o forse passato).



Ho voluto provare a utilizzare gli scarti di porri e a fare un pesto con la parte meno nobile del broccolo. Mi è piaciuto molto e oltre ad usarlo per condire la pasta  questa volta l'ho usato per insaporire la quiche di broccoli ripassati realizzata con la pasta brisèè di Micheal roux che ci ha fatto scoprire Flavia nella sfida di marzo dell'MTC e che non abbandonerò perché ha una consistenza unica e una lavorabilità che non ha eguali. Una quiche che è un inno alla semplicità, al riciclo e a prodotti di stagione.

Pasta Brisée di Michel Roux
Farina 250 g
Burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito 150 g
Sale 1 cucchiaino
Zucchero un pizzico
Uovo 1
Latte freddo 1 cucchiaio

Versare la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettere al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolarli e lavorarli con la punta delle dita.
Incorporare piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa.
Aggiungere il latte e incorporarlo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia  a stare insieme.
Spingere lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigo fino all’uso.
-La Pasta Brisée si conserva benissimo in un contenitore a chiusura ermetica, per una settimana in frigo e fino a tre mesi in freezer.



Infarinare leggermente il piano di lavoro (meglio se di marmo) e il matterello. Stendere la pasta con colpi leggeri e pressione regolare, ruotandola di 90° e girandola di tanto in tanto, per evitare che attacchi e facilitare l’aerazione. Continuare così fino a ottenere le dimensioni e la forma desiderate.
Usare il matterello stesso per misurare la vostra tortiera. Stendere l’impasto con un diametro di 5-7 cm superiore a quello della tortiera, in base all’altezza. Sollevare la pasta sul matterello e srotolarla sullo stampo.
Rifilare la pasta in eccesso col coltello o passando il mattarello sulla tortiera. Lasciare raffreddare in frigo per 20 minuti perché non si crepi durante la cottura.

Prima di cuocere in bianco o di versare il ripieno, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta per far fuoriuscire l’aria.
Rivestire il guscio di pasta con la carta forno e riempirlo con uno strato di pesi ( dai pesi in ceramica da forno, ai fagioli o ceci secchi, o riso) che tenga schiacciato l’impasto, evitando che si gonfi in maniera non uniforme.
Cuocere “in bianco” nel forno a 190°C per 15 minuti. Abbassare la temperatura a 170°C, togliere i pesi e la carta e rimettere in forno per 5-10 minuti.

Pesto di scarti di broccoli
Scarti di broccolo fresco (gambi e foglie)150 g
Nocciole 80 g
Spicchio di aglio 1
Parmigiano grattugiato 50 g
Sale q.b.
Olio extravergine di oliva q.b.

Pulire e tagliare a pezzetti gli scarti di broccolo e cuocerli a vapore o in acqua bollente per circa 10 minuti. Devono risultare ancora croccanti e non sfatti. Porre nel mixer e aggiungere le nocciole, il formaggio, l’aglio sbucciato, il sale e un goccio d’olio. Frullare e aggiungere l’olio. Aggiustare di sale.


Quiche ai broccoli con pesto di scarti di broccoli
Per uno stampo di 28 cm di diametro o 6 stampini da 10 cm

Pasta brisée 375 g
Broccoli freschi 700 g circa
Uovo 1
Tuorli 3
Panna fresca 200 ml
Sale e pepe macinato al momento
Pesto di scarti di broccoli 2 cucchiai
Aglio 1
Peperoncino 1
Parmigiano grattugiato 50 g
Fiori di rosmarino
Maggiorana fresca
Menta

Lessare le cime dei broccoli in acqua salata per 10 minuti, scolarle (lasciarne 2 da parte) e metterle in una padella dove nel frattempo si è messo a scaldare un filo d’olio con un aglio schiacciato e un peperoncino. Far insaporire e far andare di cottura aggiungendo l’acqua di cottura dei broccoli. Unire il parmigiano e lasciar intiepidire. (togliere l’aglio e il peperoncino a fine cottura).
Prendere la base della quiche cotta in bianco e sistemare i broccoli ripassati.
Preparare l’“appareil”  mettendo l’uovo e i tuorli in una ciotola, incorporate la panna densa, cioè leggermente montata, con la frusta, il pesto ed insaporire con sale e pepe. Coprire con il composto di uova fino al bordo. Sistemare i broccoli lasciati da parte e tagliati longitudinalmente sulla torta in modo da creare una sorta di disegno. Aggiungere foglioline di maggiorana, fiori di rosmarino e menta. Infornare per circa 15 minuti.

Con questa ricetta partecipo all'MTC di marzo



15 commenti:

  1. a me piace molto sarà che mangerei sempre broccoli e tutti i parenti dei broccoli...non parliamo di avanzi nel frigo, mi vergogno, anche oggi ho buttato non so quanta roba, io non faccio mai una porzione, due, tre o quattro, ma dieci e noi siamo difficilmente anche in 4, i figli non ci sono quasi mai, ma io abbondo e mio marito puntualmente mi fa la domanda: e gli altri quando arrivano? non so perché ho questo vizio, manco avessi fatto la guerra...questa tua quiche è bellissima e ne mangerei tanta...ciao carissima un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è un trionfo di broccoli che anch'io amo molto, loro e i loro parenti. Mia mamma ha fatto la guerra e deve avere il frigo sempre pieno ma non butta nulla e cucina senza avanzi. Un bacione.

      Elimina
  2. Annarita ti aspettavo e mi hai resa felice..un po' perchè anche a me capita a volte di sentirmi inadeguata, trovando ogni tanto "quel" pezzetto di formaggio dimenticato.... e mi seto una schifezza... un po' come il pezzettino di formaggio... dicevo che mi hai resa felice, perchè quando compro i broccoli mi piange il cuore a buttare tutto quel ben di Dio .... e invece tu oggi mi hai dato una favolosa idea, anzi l'hai prorpio resa una ricetta fantastica, e quelle nocciole mescolate per dare una consistenza in più... che devo dirti?? Grazie per avermi fatta vincere, perchè con una semplice sfida su una grandiosa brisée mi hai dato la possibilità di capire quanto sia bello stare da questa parte della staccionata a poter ammirare quello che riuscite a creare nelle vostre cucine! GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ti ho fatto vincere, hai vinto tu con i tuoi baci perfetti, non sono stata io a sceglierli ma loro a scegliere me. Grazie lo dico io a te, per avermi fatto conoscere una brisèe fantastica. Un bacione.

      Elimina
  3. Che bella la tua proposta Annarita! Anche io mi sento male a buttare le foglie del broccolo (i gambi, invece, li adoro) e questo pesto è decisamente un'ottima idea! Di conseguenza, anche la quiche mi piace moltissimo. :-)
    Un abbraccio,
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i pesti sono un'invenzione da premio nobel. Un bacione.

      Elimina
  4. Condivido la tua inadeguatezza di fronte al frigo con qualche cosa di scaduto. Sebbene non mi capiti spessissimo...essendo solo in due cerco sempre di comprare il giusto.
    Con le verdure sono fortunata perché fin da bambina sono stata abituata a riutilizzare gli scarti, e quelli che proprio non si potevano utilizzare si davano alle galline (che qui non ho...ma riesco comunque ad arrangiarmi ficcando tutto in un minestrone/sorta di ribollita o condimenti "pestosi" per la pasta).
    Ma i formaggi, ahimè, quelli spesso me li dimentico. Ma vuoi mettere la bontà di una crosta di parmigiano in una zuppa? :)
    Comunque, tutto ciò per dirti che il pesto con gli scarti dei broccoli non l'ho mai fatto, e prima che scompaia del tutto (per non aspettare di nuovo la stagione fredda...sperando nell'arrivo della primavera) voglio provare a farlo.
    Bellissima proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava vedi io al minestrone "di tutto un pò" non ci avevo pensato. La Mazzetta è tutta una scoperta..... Brava , un bacione.

      Elimina
  5. Da oggi mai più sprechi, anche perché l'aspetto di quel pesto è a dir poco magnifico, e la tua quiche con quell'aggiunta diventa una chicca!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pesto è buono e ti risolve pure la cena, ottimo per condire la pasta o per le bruschette...e pure per la quiche. Un bacione.

      Elimina
  6. E' da qualche mese (complice anche l'arrivo dell'essiccatore) che sto cercando in tutti i modi di non avere avanzi, di utilizzare tutte le parti del cibo e, soprattutto, di fare la spesa con più accuratezza in modo da non perdere nulla nel frigo.
    Quindi non posso che apprezzare ancor di più questa tua quiche, ricca di consapevolezza e di buon gusto, che contraddistingue sempre le tue ricette.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'essicatore è un aggeggio al quale faccio lacorte da un pò.....per fare granulati vegetali, frutta secca ecc.....che dici ne vale la pena?

      Elimina
  7. Ti capisco benissimo, anche io mi sento sempre una caccola quando mi capita (non molto spesso, per fortuna) di buttare il cibo... io sto combattendo con lo spreco a colpi di menù settimanale, a cui mi sono abituata da quando vivo fuori casa, e devo dire che funziona. Con gli scarti delle verdure dovrei abituarmi a conservarle e a fare dado vegetale (in gran quantità), ma ammetto che non me ne ricordo mai.
    Ma questo pesto di scarti di broccolo mi intriga da morire, ha un aspetto favoloso, e deve essere proprio buonissimo.. io già ci vedo una bella pasta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco il termine giusto: caccola, anch'io mi sento così. Quando poi tocca alla fetta di carne che sa di putrefatto allora la parola giusta è stronza.....mi sento stronza.

      Elimina
  8. Hai perfettamente ragione che poi gli scarti del broccolo non sono certo scarti.....bisognerebbe comprare meno non c'è niente da fare e invece se non riempiamo il frigo non siamo contenti ....10 e lode per la tua quiche è il pesto di scarti ;-)

    RispondiElimina