lunedì 15 giugno 2015

Cherry pie




Confesso che faccio fatica a cucinare le ciliegie anche se poi finisco sempre per farlo. Mi piacciono così, al naturale, una dopo l’altra  magari allungandomi verso un ramo e raccoglierle dall’albero, cercando di evitare l’odiato vermicello che d’altronde è anche segno di qualità. Non sono mai riuscita a raccoglierne un cesto intero, la voglia di assaggiarle mi ha sempre penalizzato e la gran parte finiscono in bocca. 


Le ciliegie sono talmente invitanti, dalla forma sinuosa e con quel colore così intenso da renderle irresistibili. Il fatto che ci siano solo per un certo periodo dell’anno e che, vivaddio, compaiano sulle nostre tavole solo quando è stagione, le rendono ancora più attraenti. Ma è un amore fugace, la stagione è breve e devi assaporarne il più possibile (se non costassero come diamanti) e solo allora, dopo averne mangiato la “giusta dose”  puoi pensare di provare qualche ricetta e “sacrificare” quelle meraviglie. 


La cherry pie la corteggiavo da un po’, rustica ma seducente, con quella bella crosta croccante e il ripieno morbido e voluttuoso. Solo una donna poteva venirmi incontro con la ricetta perfetta, lei la Martha e, come postina mi ha mandato l’altro pilastro della cucina, quella che c’è sempre e soprattutto ha sempre la risposta che cercavi: Stefania.  E’ come dormire tra due cuscini: ricetta davvero perfetta, riuscita alla prima e di una bontà unica…..salvo accorgermi che la cupoletta al centro non è proprio tanto gonfia non per difetti di esecuzione ma, per aver dato l’incarico al nanetto di denocciolare le ciliegie e, come per magia, tante sono sparite…….mistero!


Per la Patè Brisee
Farina 310 g
Sale 1 cucchiaino 

Zucchero 1 cucchiaino 
Burro freddo tagliato a cubetti 225 g 
Acqua fredda 60 ml  

Mescolare la farina, lo zucchero e il sale in una ciotola. Aggiungere il burro e mescolare finché l'impasto non raggiunge una consistenza che ricorda delle briciole. Aggiungere l'acqua, un po' alla volta, mescolando leggermente con una forchetta dopo ogni aggiunta. Se si utilizza una planetaria fare attenzione a non scaldare troppo l’impasto ma dare solo degli impulsi e non tenere il gancio in azione tutto il tempo. Continuare ad aggiungere acqua finché l'impasto non è ben amalgamato, non deve risultare bagnato o appiccicoso. Basta che riesca a stare insieme. A questo punto si forma una palla e si avvolge in uno strato di pellicola. Porre in frigo per almeno mezz’ora.

Per il ripieno
Ciliegie 900 g
Zucchero 225 g
Amido di mais 20 g
Estratto di vaniglia 2 cucchiaini
Estratto di mandorla 1/4 cucchiaino
Burro non salato, tagliato in piccoli pezzi 2 cucchiai
Farina, per la superficie
Uovo 1 grande, leggermente battuto con 1 cucchiaio di panna

Mescolare insieme le ciliegie denocciolate, lo zucchero, l’amido di mais, l’estratto di vaniglia e l’estratto di mandorle in una ciotola e lasciare da parte.
Riprendere la pasta dal frigo, dividerla a metà e stenderla ad uno spessore di 4 mm su una superficie leggermente infarinata. Far aderire l’impasto in una tortiera 24 cm imburrata e infarinata lasciando che la pasta rimanga fuori dai bordi. Versare il ripieno all’interno e aggiungere dei fiocchetto di burro, mettere in frigo mentre si stende la parte superiore della torta. Con la rimanente pate brisee formare uno strato di 4mm di spessore su una superficie leggermente infarinata. Tagliare 4 o 5 fori con un cookie cutter e posizionare sulla torta.
Tagliare i bordi inferiori e superiori in modo che sporgano 2 cm e mezzo e premere insieme per sigillare.  Mettere in frigo per 20 minuti.
Scaldare il forno a 190°C. Pennellare la superficie della torta con l’uovo e la panna mescolati. Cuocere la torta circa 1 ora e 45 minuti. Trasferire la torta su una griglia, e lasciare raffreddare prima di servire. Diventa una goduria accompagnata da gelato alla vaniglia. Si conserva per 2 giorni al massimo altrimenti mettere in frigo.

3 commenti:

  1. Sono contenta che ti sia piaciuta, io la adoro!!! E per la cupoletta pazienza, dai, le ciliegie hanno fatto comunque una buona fine ...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si certo , ma lo capisco perchè anch'io avrei fatto lo stesso. Grazie per la dritta. Un bacio.

      Elimina
  2. Di dolci con le ciliegie difficilmente ne sforno anche io, perché le ciliegie me le finisco prima ancora di pensare a come potrei utilizzarle. Settimana scorsa le ho sequestrate per uno smoothie. Adesso devo provare a sequestrarle per questa cherry pie e prossimamente per un clafoutis.. magari se mi sbrigo, faccio in tempo prima che finisca la stagione :)

    RispondiElimina