martedì 24 novembre 2015

Ravioli di ricotta e spinaci al ragù......a pranzo da mamma






Non credevo sarei arrivata a questo punto proprio con la pasta ripiena ma, impegni vari e una dieta che mi costringe a realizzare almeno due o tre piatti per pasto per giusto 3 commensali che proprio non vogliono condividere il mio nuovo regime alimentare, mi ha fatto giungere sul finale a proporre la mia ricetta per l’MTC proposta da Monica.
Questo è stato il mese dei vorrei, anzi degli avrei voluto perché ho iniziato pensando di fare ravioli di mare, poi i tordelli camaioresi poi la ricetta proposta da Monica poi…ecco, poi si è fatto tardi. Avere tante idee è come non averne nessuna. 

 
Nella fretta, ho cominciato a ricordare che anche quando mia mamma non aveva tempo, in qualche modo non ci faceva mai mancare la pasta fresca la domenica. Lei si affidava ai ravioli ricotta e spinaci al burro o, proprio nei momenti neri, ai maccheroni, semplice pasta all’uovo fatta seccare in strisce che poi venivano frantumate creando degli stracci di misure diverse, bollite e condite al sugo di pomodoro o ragù. Per lei la domenica era il giorno di maggior lavoro, si alzava alle 5 per andare alla Messa in centro, partiva a piedi che faceva ancora buio, tornava veloce e faceva la pasta per il pranzo poi arrivavano le clienti per farsi la piega perché faceva la parrucchiera in casa lavorando anche la domenica. Poi c’era mio fratello piccolo da accudire, da accendere lo scaldabagno che andava a legna infine, sistemare e apparecchiare. Donne d’altri tempi. Per fortuna con il tempo le condizioni sono cambiate e una timida tecnologia è arrivata pure a casa mia ma non chiedete a mia mamma di fare la pasta con la planetaria o tritare le verdure con qualcosa che non sia la mezzaluna o fare la conserva con macchina a motore che con il passaverdure viene meglio. 


Ricette semplici le sue al limite della delicatezza, mai nulla oltre sale e pepe (noce moscata ma solo ogni tanto), carne scelta anziché macinati già pronti e nulla di più nel ragù che la carne stessa.

Non certo donna di una volta, oberata di fatica, io, ma solo disorganizzata e confusionaria ho pensato di rimediare al vuoto creativo e di tempo con la sua semplice (quasi basica) ricetta per i momenti incasinati. Ricetta senza dosi precise che lei fa tutto a occhio che io adattato.

Per la pasta
Farina macinata a pietra 500g
Uova 4
Sale

Mettere la farina a fontana, rompere le uova dentro e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Lasciare riposare in frigo per un’oretta.
Se si utilizzano meno uova o se il composto risulta un po’ duro si può aggiungere acqua tiepida.

Per il ripieno
Spinaci 130 g (da lessati e strizzati)
Ricotta vaccina 250g
Parmigiano grattugiato 50g
Uovo 1
Sale
Pepe

Mescolare la ricotta con gli spinaci tagliati finemente, il parmigiano, l’uovo e aggiustare di sale e pepe.

Per il ragù
Macinato di manzo scelto 500g
Concentrato di pomodoro un vasetto
Cipolla1
Carota1
Sedano 1

Fare il soffritto con le verdure sminuzzate, poi aggiungere la carne di manzo tritata e rosolarla per alcuni minuti. Si può aggiungere un pochino di vino rosso per dare un po’ di profumo. Aggiungere il concentrato di pomodoro, aggiustare di sale e pepe poi far cuocere per almeno un’ora a fuoco basso.

Tirare la sfoglia e con un cucchiaino o un sac a poche fare dei mucchietti che poi verranno ricoperti con altra pasta e sigillati. Tagliarli con una rotella.

Far cuocere in acqua bollente salata per circa 5/7 minuti , scolare e condire con il ragù.



Con questa ricetta partecipo all'MTC di Novembre:


9 commenti:

  1. Anche io sono tornata al ragù della mamma...che è sempre il più buono! E i tortelli con ricotta e spinaci sono quelli che mangiavo da piccola, anche se nessuno li faceva in casa...ma venivano pur sempre dal negozio di pasta fresca! E mi piacevano tanto anche crudi...
    Una ricetta tradizionale...e per me sono le migliori. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buffo come anche un semplice nome cambi a seconda del luogo di provenienza: per me intanto sono tordelli e non tortelli e poi con questo nome sono indicati quelli di carne mentre i ravioli sono quelli con ricotta e verdure e avrebbero pure forma più rettangolare. Sai che ho letto che quando avanzano si possono pyre friggere e mangiare come aperitvo o stuzzichino. Questo è sicuramente il mio comfort food per eccellenza. Un bacione.

      Elimina
  2. Cara Annarita, sarà pure una ricetta semplice ma io sono pienamente convinta che ogni tanto tornare alle ricette semplici è proprio quello che si desidera! Se poi sono legate ai nostri ricordi penso non se ne possa proprio fare a meno! La foto con il tortello in primo piano parla da sola....viene voglia di mangiarsela!
    Ciaooo
    Sandra
    PS ricordati di passarla anche a me la tua dietina detox;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sandra per la dietina non preoccuparti, intanto ora goditi un pò di ravioli. Un bacione.

      Elimina
  3. Mtc ci ha fatto attingere alla nostra vita e alla nostra famiglia!
    Io ho usato la ricetta della nonna, tu della mamma... sono fantastici complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che la ricetta della mamma è pure quella della nonna, certe cose si passano di generazione in generazione.

      Elimina
  4. C'è niente di meglio dei ravioli al ragù? I miei preferiti... :P bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure per me sono fantastici, magari poco creativi ma di sostanza. Grazie a presto

      Elimina
  5. Bellissimi i tuoi Ravioli al ragù....Veramente il comfort food x la maiuscola!!

    RispondiElimina