giovedì 23 giugno 2016

Scarpaccia di Camaiore per la Giornata nazionale della zucchina






Non li ho mai amati tanto da piccola poi però, come accade spesso, da adulti i gusti cambiano e le zucchine per la loro versatilità e delicatezza sono entrate a far parte del menù di casa così spesso che d’estate non mancano proprio mai. Ma si dice zucchina o zucchino? Entrambi i termini sono corretti anche se l’Accademia della Crusca indica zucchino come vocabolo da preferire. La differenza la fanno le inflessioni dialettali: mentre zucchino è preferito in Toscana, Piemonte e Sardegna, la versione femminile è utilizzata più comunemente in nelle altre regioni. Io non faccio preferenze e li uso indistintamente anche nella stessa frase!!!


Lo zucchino Cucurbita pepo L., ha origine in un’ampia fascia compresa tra la parte meridionale degli Stati Uniti e il Messico nord orientale. Dopo la scoperta dell’America, si è diffuso in Europa, Asia e Africa. In Italia la coltivazione degli zucchini si espanse rapidamente, facilitata da un clima temperato.
Presto fece il suo ingresso in cucina come dimostra un famoso dipinto del 1580 di Vincenzo Campi, La fruttivendola, custodito presso la Pinacoteca di Brera a Milano, che raffigura una venditrice con il suo banco di frutta e ortaggi, tra i quali sono compresi fiori e frutti di zucchini.
La Cucurbita pepo è una pianta erbacea annuale con portamento eretto o strisciante. E` una pianta monoica, con fiori maschili e femminili sulla stessa pianta di colore giallo-arancio.I fiori maschili e femminili sono portati all'ascella delle foglie, quelli maschili hanno il peduncolo più lungo Se la temperatura è più calda e i giorni sono più lunghi verranno prodotti più fiori maschili, più fiori femminili con temperatura più fredda e giorno più corto.
Lo zucchino proprio per il suo gusto delicato è un ingrediente apprezzato per piatti che vanno dall’antipasto al dolce. Ha un bassissimo contenuto calorico, povero di carboidrati e proteine, possiede invece un buon contenuto di potassio che, unito al basso contenuto di sodio, dà a questo ortaggio proprietà diuretiche. Contiene vitamina A, C e di carotenoidi.
Per celebrare la Giornata Nazionale della zucchina/o la cui ambasciatrice per Aifb è Camilla Assandri, ho scelto di realizzare la scarpaccia di Camaiore che ha come ingredienti principale le zucchine e i fiori di zucca. E’ un piatto tipico di Camaiore, una sorta di torta salata che a Viareggio, a pochi km di distanza, già cambia e diventa dolce. Cercare LA ricetta della scarpaccia è impossibile perché ognuno la cucina a modo suo, ogni famiglia ha una ricetta che si tramanda da madre in figlia. Per non parlare delle dosi quelle sono proprio un tabù infatti le dosi che ho dato sono le mie dopo un po’ di prove. 

Zucchine varietà fiorentina (vanno bene tutte) 900 g
Fiori di zucca quanti ne hanno le zucchine
Cipolla rossa (o bianca) 2 piccole
Basilico
Farina 00 150 g circa
Acqua se serve
Olio
Sale e pepe

Lavare tutte le verdure e tagliare le zucchine a rondelle non troppo spesse, le cipolle a fettine sottili e i fiori di zucca a striscioline. Mettere la verdura mescolata in un colino, salare e pepare. Mettere un piatto sotto che possa raccogliere tutto il liquido di vegetazione per almeno 4 ore o anche tutta la notte. Trascorso questo tempo unire il liquido colato con un mezzo bicchiere d’acqua se serve e versarlo di nuovo sulle verdure. Aggiungere le foglie di basilico e unire la farina poco alla volta fino ad ottenere una consistenza abbastanza liquida. La quantità dipende dal liquido e dal tipo di farina. Versare in una teglia bassa e lunga ricoperta da carta da forno, stendere l’impasto in modo che risulti omogeneo, un giro d’olio e infornare a 180°C per circa un’ora o fino a che la superficie non diventa ben cotta. Sfornare e mangiare subito. Si mantiene in frigo per diversi giorni e è buonissima riscaldata.

4 commenti:

  1. Grazie per tutte queste interessanti informazioni!!!
    Non conoscevo la scarpaccia di Camaiore ma mi ispira moltissimo!

    RispondiElimina
  2. Grazie per aver partecipato alla Giornata Nazionale della Zucchina che mi ha vista ambasciatrice.
    Complimenti per la ricetta, ottima. Non la conoscevo.

    RispondiElimina