martedì 12 settembre 2017

Pesto di scarti di broccoli per la Giornata Nazionale delle altre Salse Pestate




Nessuno può rinnegare la supremazia indiscussa del pesto genovese. Famoso in tutto il mondo, unico e inimitabile è lui il re delle salse pestate, esistono tuttavia alti pesti che accompagnano i nostri menù. Da nord a sud l’Italia ha molte salse pestate adatte per condire la pasta o i crostini: dalla salsa di noci al pesto alla trapanese o al pesto di pistacchi. Ho scoperto presto che si poteva mettere la rucola al posto del basilico e il sapore prendeva vie del tutto nuove, lo stesso valeva per le zucchine e la fantasia nelle salse pestate è diventata pressoché infinita. 


Tradizione vorrebbe che i pesti fossero appunto pestati nel mortai ma oggi, un po’ colpevolmente, ci affidiamo tutti al mixer quasi che i gesti ripetuti e cadenzati del pestello fossero una perdita di tempo. La fretta ci indirizza verso un più comodo strumento ma, il risultato è diverso. I puristi del pesto trasecolerebbero a vedere il basilico torturato nel mixer eppure, in tanti ci riduciamo a farlo in questo modo. Confesso la mia colpa, anch’io spesso metto tutti gli ingredienti insieme e accendo il diabolico attrezzo, dando però poche pulsazioni in modo che gli ingredienti non si scaldino troppo, soprattutto il basilico. 

Nel caso del pesto di scarti di broccoli ho meno scrupoli ma il risultato in ogni caso è eccellente. Ogni volta che facevo le orecchiette con i broccoli dovevo buttare parte dei gambi e le foglie più coriacee che, in cottura, rimangono un po’ duri e vengono sempre scartati. Ho pensato che sarebbero stati ottimi, appena scottati e ridotti in poltiglia nel mixer con l’aggiunta di qualche ingrediente più saporito. Ecco come nasce un pesto. Per la Giornata Nazionale delle altre salse pestate sul Calendario del Cibo Italiano la mia versione del pesto di scarti di broccolo.

Pesto di scarti di broccoli

Scarti di broccolo fresco (gambi e foglie)150 g

Nocciole 80 g

Spicchio di aglio 1

Parmigiano grattugiato 50 g

Sale q.b.

Olio extravergine di oliva q.b.

Pulire e tagliare a pezzetti gli scarti di broccolo e cuocerli a vapore o in acqua bollente per circa 10 minuti. Devono risultare ancora croccanti e non sfatti. Porre nel mixer e aggiungere le nocciole, il formaggio, l’aglio sbucciato, il sale e un goccio d’olio. Frullare e aggiungere l’olio. Aggiustare di sale.

8 commenti:

  1. Saporita! L'aggiungo alla mia raccolta dei Pesti Possibili! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che se la provi la rifarai più volte. Grazie a presto

      Elimina
  2. Immagino già un bel piatto di pasta, con questa salsa così golosa. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pesti sono una salvezza, almeno per me, una pasta al volo e il sugo pronto in frigo. A presto

      Elimina
  3. Ottima idea anti spreco! Grazie, Annarita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già questo aspetto non è da poco, odiavo buttare quei gambi così sani e saporiti, ora non lo faccio più. Ciao a presto.

      Elimina
  4. Non sono proprio un amante dei pestati veri e propri preferisco fare delle salsine con gli scarti che mi fanno da base al pesce o piatti compositi di pasta e carne. Questo però lo voglio provare. Io ho il vecchio mortaio di rame (forse ottone) della nonna pesantissimo ma pericoloso perchè si può incorrere nel famoso verde rame molto dannoso alla salute. Un cimelio fa bella mostra di se devo provvedere con uno modermo. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, come stai? questo pesto puoi farlo tranquillamente con il mixer, non importa necessariamente il mortaio. Un bacio, a presto.

      Elimina